Riprendiamo da Italia Oggi di oggi, una nota ufficiale dell’Assirm che ci rende orgogliosi e preparati:

“Per la prima volta in 20 anni è il web lo strumento più utilizzato per le ricerche ad hoc: a rivelarlo è Assirm, l’Associazione degli istituti di ricerche di mercato, sondaggi di opinione e ricerca sociale, che ha presentato i dati congiunturali del proprio settore. Le ricerche online nel 2014 sono infatti cresciute del 2,4% conquistando il 30% del mercato tra le ricerche quantitative ad hoc, con un acquisito di 51,9 milioni di euro. Anche tra le ricerche qualitative ad hoc l’online continua a crescere con un acquisito aumentato del 56,3% rispetto al 2013. L’analisi, che ha coinvolto un campione di 42 Istituti associati sui dati relativi all’anno 2014, riporta un fatturato per il settore pari a 488,7 milioni di euro, e un acquisito di 478,1 milioni di euro, che si mantiene stabile rispetto al 2013. Per quanto riguarda le metodologie quantitative, le ricerche online sono al primo posto in termini di valore seguite dalle metodologie tradizionali: le ricerche personali capi (computer assisted personal interview), le telefoniche cati (computer-assisted telephone interview) e le personali carta e penna. «Oggi le ricerche cawi (computer assisted web interview, ndr) sono il primo metodo di rilevazione quantitativo e la crescita delle ricerche qualitative è in gran parte dovuta ai nuovi strumenti», ha detto il presidente di Assirm Umberto Ripamonti. «Sicuramente si tratta anche di una conseguenza della crisi economica che ha spinto verso l’adozione di metodi meno costosi e più veloci, ma anche la testimonianza della vitalità dell’intero comparto delle ricerche che ha saputo cogliere la sfi da e dimostrare che è capace di guidare l’innovazione cogliendo le opportunità che essa porta con sé. Ora ci aspettiamo che le novità portate dalle nuove tecnologie siano capaci di invertire la tendenza negativa che ancora caratterizza il mercato sia pure a tassi più contenuti delle attese»

Questa notizia conferma uno sviluppo del mercato in cui Nextplora ha creduto fin dal 2012, come pioniere in Italia di questa modalità di raccolta delle opinioni delle persone, e che caratterizza le nostre competenze e soluzioni di marketing intelligence rivolte alle aziende.
Questo è per noi un nuovo punto di partenza verso le prossime sfide.