Il Potere della Pubblicità nei Podcast e le Campagne di Successo

Negli ultimi anni la popolarità dei podcast è esplosa, così come quella della pubblicità sui podcast. Infatti, la podcast advertising ha generato un fatturato di oltre 1,8 miliardi di dollari nel 2022. Ciò è dovuto in parte al pubblico altamente interessato e fedele che i podcast attirano, rendendo la pubblicità sui podcast una strategia di marketing molto efficace. In questo articolo esamineremo il potere della pubblicità nei podcast e forniremo esempi di campagne di successo.  

  

Innanzitutto, consideriamo perché la pubblicità nei podcast è così efficace. Uno dei motivi principali è il pubblico altamente mirato. Gli ascoltatori di podcast sono spesso molto appassionati dei contenuti che ascoltano, il che significa che è più probabile che siano interessati ai prodotti o ai servizi pubblicizzati. Inoltre, la pubblicità nei podcast spesso coinvolge i conduttori che sostengono personalmente il prodotto, il che può creare un senso di fiducia e autenticità per il pubblico. 

  

podcast advertising

 

Casper Mattresses, Harry's Razors, ZipRecruiter e HelloFresh sono solo alcuni esempi di aziende che hanno utilizzato con successo il podcast advertising per attirare nuovi clienti e aumentare le vendite. Diamo un'occhiata più da vicino a ciascuna di queste campagne per capire cosa le ha rese così efficaci. 

 

Materassi Casper  

Casper, un'azienda produttrice di materassi, ha stretto una partnership con diversi podcast popolari, tra cui WTF with Marc Maron e Reply All. L'azienda ha offerto agli ascoltatori uno sconto speciale sui materassi, che ha contribuito ad attirare nuovi clienti. La strategia pubblicitaria di Casper si è concentrata sulla convenienza e sulla qualità dei prodotti. Rivolgendosi agli ascoltatori di podcast che apprezzano una buona notte di sonno, Casper è riuscita a raggiungere un pubblico altamente coinvolto e fedele.  

  

La campagna ha avuto un grande successo: Casper ha registrato un aumento delle vendite del 20% durante la campagna. Il successo dell'azienda è dovuto in parte alla capacità di comunicare efficacemente i vantaggi del prodotto al pubblico giusto. Grazie alla collaborazione con podcast popolari e all'offerta di uno sconto, Casper è riuscita a creare un senso di urgenza tra gli ascoltatori e a incoraggiarli all'acquisto.  

  

I rasoi di Harry's  

Harry's, un'azienda di prodotti per l'igiene maschile, ha sponsorizzato diversi podcast, tra cui The Tim Ferriss Show e The Joe Rogan Experience. La strategia pubblicitaria dell'azienda prevedeva l'offerta agli ascoltatori di una prova gratuita dei loro rasoi, che ha contribuito ad attirare nuovi clienti. Harry's si è concentrato sulla qualità e sull'accessibilità dei suoi prodotti, sottolineando l'impegno dell'azienda a fornire una migliore esperienza di rasatura.  

La campagna ha avuto un grande successo: Harry's ha registrato un aumento delle vendite del 60% durante la campagna. Offrendo una prova gratuita, Harry's ha potuto abbassare la barriera d'ingresso per i nuovi clienti e incoraggiarli a provare i suoi prodotti. L'impegno dell'azienda per la qualità e l'accessibilità dei prezzi ha risuonato anche con gli ascoltatori del podcast, che apprezzano entrambe le cose. 

 

ZipRecruiter  

ZipRecruiter, un sito web di annunci di lavoro, ha sponsorizzato diversi podcast, tra cui The Daily e Freakonomics Radio. La strategia pubblicitaria dell'azienda prevedeva la promozione dei propri servizi sia ai datori di lavoro che alle persone in cerca di lavoro, il che ha contribuito ad attirare nuovi clienti. ZipRecruiter ha enfatizzato la convenienza e la facilità della propria piattaforma, sottolineando la capacità dell'azienda di mettere in contatto rapidamente i datori di lavoro con candidati qualificati.  

  

La campagna ha avuto un grande successo: ZipRecruiter ha registrato un aumento del 25% degli annunci di lavoro durante la campagna. Rivolgendosi sia ai datori di lavoro che alle persone in cerca di lavoro, ZipRecruiter è riuscita a raggiungere un ampio pubblico e a posizionarsi come piattaforma di annunci di lavoro di riferimento. La strategia pubblicitaria dell'azienda ha comunicato efficacemente il valore della piattaforma e ha incoraggiato gli ascoltatori a provarla.  

  

HelloFresh  

HelloFresh, un servizio di consegna pasti, ha sponsorizzato diversi podcast, tra cui My Favorite Murder e Stuff You Should Know. La strategia pubblicitaria dell'azienda prevedeva l'offerta agli ascoltatori di uno sconto speciale sui pasti, che ha contribuito ad attirare nuovi clienti. HelloFresh si è concentrata sulla convenienza e sulla qualità dei suoi pasti, sottolineando l'impegno dell'azienda a fornire pasti sani e deliziosi.  

  

La campagna ha avuto un grande successo: HelloFresh ha registrato un aumento del 50% dei nuovi clienti durante la campagna. Rivolgendosi a persone impegnate che apprezzano pasti sani e deliziosi, HelloFresh è riuscita a raggiungere un pubblico altamente coinvolto e fedele. La strategia pubblicitaria dell'azienda ha comunicato efficacemente i vantaggi del servizio e ha incoraggiato gli ascoltatori a provarlo. 

 

Squarespace  

Anche la partnership di Squarespace con il popolare podcast Serial è un esempio di successo. Squarespace, una società di hosting e costruzione di siti web, ha sponsorizzato la seconda stagione di Serial, che seguiva la storia di Bowe Bergdahl, un soldato dell'esercito americano catturato dai talebani e tenuto prigioniero per cinque anni prima di essere rilasciato. La sponsorizzazione di Squarespace ha permesso di pubblicizzare i propri servizi al pubblico altamente coinvolto e fedele di Serial. La campagna ha avuto un grande successo: Squarespace ha registrato un aumento del 30% della notorietà del brand e un aumento del 7% dei nuovi clienti durante la campagna. 

  

Blue Apron  

Un'altra campagna pubblicitaria di successo nei podcast è stata quella di Blue Apron, un servizio di consegna pasti a domicilio. Blue Apron ha sponsorizzato diversi podcast, tra cui How Did This Get Made? e The Nerdist. La strategia pubblicitaria dell'azienda prevedeva l'offerta agli ascoltatori di una prova gratuita del servizio, che ha contribuito ad attirare nuovi clienti. La campagna ha avuto un grande successo: Blue Apron ha registrato un aumento del 25% dei nuovi clienti durante la campagna.  

  

Nonostante questi esempi di successo, è fondamentale ricordare che ogni brand deve valutare il potenziale per la propria attività e se la pubblicità nei podcast è adatta ai suoi obiettivi specifici e al suo pubblico di riferimento. Per prendere questa decisione è necessario considerare attentamente diversi aspetti per assicurarsi una campagna efficace e di successo. Valutando i seguenti elementi, un brand può prendere decisioni informate sulla pubblicità nei podcast e massimizzare le possibilità di raggiungere efficacemente il pubblico desiderato:

 

Pubblico di riferimento:

  • Valutare se il pubblico di riferimento del podcast è in linea con il target del brand.
  • Analizzare i dati demografici degli ascoltatori, compresi età, sesso, luogo e interessi.

 

Brand Fit:

  • Valutare la compatibilità tra i valori e il messaggio del brand e i contenuti del podcast.
  • Assicuratevi che il tono, gli argomenti e lo stile del podcast siano in linea con l'immagine del brand.

 

Portata e coinvolgimento del podcast:

  • Esaminate la portata e l'ascolto complessivo del podcast attraverso le dimensioni dell'audience e le tendenze di crescita.
  • Esaminare le metriche di engagement degli ascoltatori, come i download medi degli episodi, le interazioni sui social media e il feedback degli ascoltatori.

 

Opzioni per gli advertisers:

  • Valutare la flessibilità e le creatività consentite per l'integrazione degli annunci nel podcast.

 

Concorrenza ed esclusività:

  • Valutare se i brand concorrenti fanno già pubblicità nei podcast.
  • Considerare i potenziali vantaggi dell'esclusività o di slot pubblicitari limitati.

 

Misurazione e monitoraggio:

 

Potenziale di partnership a lungo termine:

  • Valutare se il podcast offre opportunità di partnership a lungo termine, tra cui sponsorizzazioni stagionali, apparizioni di ospiti o contenuti co-prodotti.
  • Considerate i potenziali benefici derivanti dalla creazione di un rapporto continuativo con il podcast e il suo conduttore.

 

Test e iterazione:

  • Considerate la possibilità di iniziare con una piccola campagna pubblicitaria di prova per valutare l'efficacia prima di impegnarvi in un investimento più consistente.
  • Monitorate e analizzate i risultati per iterare e ottimizzare le future campagne pubblicitarie nei podcast.

 

In conclusione, la pubblicità nei podcast può essere una strategia di marketing molto efficace, grazie al pubblico impegnato e fedele che i podcast attirano. Con la continua crescita del podcasting, possiamo aspettarci di vedere ancora più campagne pubblicitarie di successo nei podcast in futuro. 

 


Ritorno al passato con il nostalgia marketing: da un ricordo all’acquisto

La nostalgia è un'emozione forte che ci riporta a un'epoca in cui la vita sembrava più semplice e felice. È una mancanza del passato che può evocare ricordi dell'infanzia, della famiglia e degli amici.  

 

Il Nostalgia Marketing è una tecnica di marketing che mira a evocare ricordi ed emozioni positive del passato per costruire una connessione emotiva tra il brand e il consumatore. L'obiettivo è quello di attingere ai sentimenti dei consumatori nei confronti del passato, spesso attraverso l'uso di immagini, suoni o altri spunti sensoriali, e di utilizzare questi sentimenti per creare un senso di fedeltà e identificazione al brand.  

 

Negli ultimi anni, il Nostalgia Marketing è diventato una tendenza sempre più popolare tra i brand, con molte aziende che hanno sfruttato la nostalgia per creare campagne pubblicitarie ingaggianti e veramente memorabili.  

 

Il principale vantaggio del Nostalgia Marketing è che può essere un modo efficace per entrare in contatto con i consumatori a livello emotivo. Secondo uno studio del Journal of Business Research, la nostalgia può "facilitare la formazione di un sentimento positivo verso un brand, che può tradursi in una maggiore fedeltà alla marca e in una maggiore intenzione all'acquisto" (Cheung et al., 2019).  

  

Quali sono dunque alcuni esempi di campagne di Nostalgia Marketing di successo? Vediamone alcuni

  • La riedizione del NES Classic Edition da parte di Nintendo - Nel 2016, Nintendo ha ripresentato la sua classica console Nintendo Entertainment System (NES) in una replica in miniatura chiamata NES Classic Edition. La console è andata rapidamente a ruba nei negozi, dimostrando il fascino intramontabile dei videogiochi classici.  
  • Campagna "Rebuild the World" di Lego - La campagna "Rebuild the World" di Lego, lanciata nel 2019, ha sfruttato la nostalgia associata all'iconico brand di giocattoli, promuovendo al contempo la creatività e l'innovazione. La campagna comprendeva una serie di annunci con personaggi e ambientazioni classiche di Lego, come Lego City e Lego Star Wars. La campagna è stata un successo e Lego ha registrato un aumento delle vendite del 7% nella prima metà del 2020.  
  • Campagna "Share a Coke" di Coca-Cola - Nel 2014, Coca-Cola ha lanciato una campagna in cui ha sostituito il suo iconico logo con nomi e frasi popolari. La campagna ha avuto un enorme successo, generando oltre 1,2 milioni di tweet e 150 milioni di bottiglie di Coca-Cola personalizzate vendute solo negli Stati Uniti. 
  • Campagna "Classic" di Reebok - Reebok esiste dagli anni '80 e nel 2013 ha lanciato una campagna per promuovere la sua linea di sneakers Classic. La campagna comprendeva una serie di annunci con riferimenti classici alla moda, alla musica e alla cultura pop degli anni '80 e '90, mentre le stesse sneaker sono state aggiornate con nuovi colori e materiali. La campagna è stata un successo e Reebok ha registrato un aumento delle vendite del 5% nel primo trimestre del 2013.  
  • Campagna “Hello Happy. Hello Hershey’s” di Hershey's - Nel 2015, Hershey's ha lanciato una campagna di Nostalgia Marketing chiamata "Hello Happy. Hello Hershey's". La campagna prevedeva una serie di spot televisivi che utilizzavano i classici jingle e le immagini di Hershey's degli anni '70 e '80. Gli spot incoraggiavano inoltre gli spettatori a condividere i propri ricordi del cioccolato Hershey's utilizzando l'hashtag #HelloHappy. La campagna è stata un successo: Hershey's ha registrato un aumento del 7,4% delle vendite e del 13,8% del coinvolgimento sui social media.  
  • Campagna "Polaroid Originals" di Polaroid - Nel 2017, Polaroid si è ribattezzata "Polaroid Originals" e ha lanciato una campagna di marketing che ha messo in risalto il fascino retrò dell'azienda. La campagna comprendeva una serie di annunci con fotocamere e pellicole Polaroid degli anni '70 e '80, e l'azienda ha persino rilasciato una nuova fotocamera istantanea che assomigliava ai suoi modelli classici. La campagna è stata un successo e Polaroid ha registrato un aumento delle vendite del 300% nel primo trimestre del 2018.  
  • Campagna "Maggiolino" di Volkswagen - L'iconico Maggiolino di Volkswagen è stato lanciato per la prima volta negli anni '30 e negli anni '90 l'azienda ha lanciato una campagna per far rivivere la popolarità dell'auto classica. La campagna comprendeva una serie di annunci pubblicitari che presentavano il Maggiolino e il suo posto nella storia della cultura pop, mentre l'auto stessa veniva aggiornata con nuovi colori e caratteristiche. La campagna fu un successo e il Maggiolino divenne una delle auto più popolari degli anni Novanta. 

 

Un altro esempio è la rinascita dei dischi in vinile. Negli ultimi anni, i dischi in vinile hanno conosciuto una rinascita di popolarità, con vendite che da 30 anni a questa parte hanno raggiunto l'apice nel 2020.  Nonostante questa crescita, il vinile rappresenta ancora solo una percentuale marginale delle vendite complessive di musica, con meno del 6% della quota di mercato. Tuttavia, nel 2022, l'album "Midnights" di Taylor Swift è entrato nella storia diventando la prima pubblicazione di un album in cui le vendite di vinili hanno superato quelle dei CD dal 1987. Nel gennaio 2023, "Midnights" aveva venduto oltre un milione di LP in vinile negli Stati Uniti, diventando così l'unico album del XXI secolo a raggiungere questo traguardo. In definitiva, questa tendenza è guidata in parte dalla nostalgia per il suono analogico del vinile, oltre che dal desiderio di un'esperienza musicale tangibile e fisica.  

  

Questi esempi dimostrano il potere del Nostalgia Marketing nel creare un forte legame emotivo tra brand e consumatori. Attingendo ai ricordi del passato dei consumatori, i brand possono creare un senso di autenticità e fiducia che può essere difficile da ottenere con altre tecniche di marketing.  

  

Naturalmente, è importante notare che il Nostalgia Marketing non è una soluzione unica per tutti i brand. Affinché il Nostalgia Marketing sia efficace, deve essere fatto in un modo che risuoni con il target di riferimento e si adatti al messaggio e all'identità generale del brand. Per questo motivo deve essere usato in modo strategico e con attenzione. Un eccessivo ricorso alla nostalgia può far sembrare un brand obsoleto o trascurabile, ed è importante trovare un equilibrio tra il passato e il presente. Nel complesso, il Nostalgia Marketing può essere uno strumento prezioso per i brand che vogliono entrare in contatto con i consumatori a livello emotivo e distinguersi in un mercato affollato. Evocando ricordi ed emozioni positive dal passato, i brand possono creare un impatto duraturo e costruire un senso di fedeltà e identificazione con il loro pubblico. 

 


I driver di scelta degli acquisti di uova di Pasqua in Italia

Pasqua è un momento di celebrazione e di indulgenza, e per molti italiani questo significa godere di uno dei dolci primaverili preferiti del Paese: le uova di Pasqua. Ma cosa spinge i consumatori italiani a scegliere quale uovo comprare? Noi di Nextplora abbiamo recentemente condotto uno studio per rispondere a questa domanda. I risultati sono arrivati e offrono preziosi spunti per i brand che cercano di conquistare il cuore dei consumatori italiani. In questo articolo analizzeremo i risultati e esploreremo ciò che conta davvero per gli italiani che ogni anno acquistano uova di Pasqua.

 

Il nostro obiettivo era identificare i driver di scelta per le famiglie con e senza bambini, prestando particolare attenzione all'approccio dei consumatori al cibo e all'alimentazione. 

 

Nel primo grafico abbiamo delineato i driver primari di scelta delle uova di Pasqua. Il gusto del cioccolato è stato il driver più significativo, con il 56% dei partecipanti che lo ha indicato come il principale driver di scelta. L'intensità del cioccolato è arrivata al secondo posto (38%), seguita dal regalo sorpresa (31%). È interessante notare che solo il 9% dei partecipanti ha indicato il ricordo nostalgico della propria infanzia come driver di scelta. Allo stesso modo, gli spot pubblicitari accattivanti non sembrano avere un impatto significativo sul comportamento dei consumatori. Piuttosto, i consumatori italiani danno priorità al gusto e all'italianità rispetto ad altri elementi. La "Convenienza" ha ottenuto il 22% delle risposte, ma così anche "Vale la pena pagare di più", il che suggerisce che i consumatori sono sì più consapevoli delle loro spese ma sono anche disposti a investire di più se percepiscono il prodotto come pregiato. L'aumento dei prezzi e dell'inflazione potrebbero anch'essi contribuire a questa tendenza, ma ci sono probabilmente altri fattori in gioco. 

 

 

Nel secondo grafico, abbiamo approfondito i driver di scelta utilizzando un’analisi di segmentazione dei consumatori rispetto al cibo e all’alimentazione. Abbiamo scoperto che il segmento dei consumatori "Disinteressati" al cibo avevano l'indice di concentrazione più elevato per le partnership con film, programmi televisivi, influencer e squadre sportive. Le loro risposte indicavano una minore priorità per "L'intensità del cioccolato" (83) e la "Selezione delle materie prime" (70). 

 

In contrasto, il segmento "Appassionati in cucina" ha dato priorità all'Italianità (117), alla competenza nel mondo del cioccolato (111) e alla selezione delle materie prime (117). I consumatori appassionati in cucina sono probabilmente più in grado di apprezzare la qualità e l'origine degli ingredienti, così come i processi coinvolti nella creazione di un prodotto di cioccolato di alta qualità. Questo gruppo potrebbe anche essere più interessato al significato culturale del cibo e alla storia e alle tradizioni della cucina italiana. 

 

Il segmento "Golosi" ha enfatizzato il sapore del cioccolato (117) e la convenienza (124). Questo gruppo di consumatori si preoccupa meno dei benefici per la salute o della qualità premium del prodotto e cerca invece un'esperienza deliziosa e conveniente, mentre il segmento "Attenti alla linea" presta meno attenzione al senso di appagamento e gratificazione (84) e dà maggior importanza all'Italianità del brand (118). 

 

Il segmento "Fedeli alla marca" ha dato priorità all'Italianità (116) e al valere la pena pagare di più (116) e ha mostrato l'indice più alto a favore delle marche che fanno pubblicità accattivanti (120). I consumatori in questo segmento potrebbero essere fedeli al brand perché occupa un posto speciale nei loro cuori, forse a causa di ricordi o esperienze positive associate alla marca. Di conseguenza, la pubblicità coinvolgente potrebbe servire a rafforzare il legame emotivo che i consumatori in questo segmento già hanno con il brand. Inoltre, è possibile che i consumatori in questo segmento siano più influenzati dalla pubblicità in generale, poiché potrebbero essere meno sensibili al prezzo e più focalizzati sul brand rispetto ad altri segmenti. 

 

Infine, il segmento "Sostenibili" dà la priorità alla selezione delle materie prime (135), alle marche sostenibili (122) e alla competenza nel mondo del cioccolato (112). 

 

 

Nel terzo e ultimo grafico, abbiamo esplorato come i driver della scelta variano in base all'età dei bambini in famiglia. Abbiamo scoperto che il gusto e la qualità del cioccolato diventano sempre più importanti man mano che i bambini crescono, mentre la sorpresa e le partnership diventano meno rilevanti. Con l'entrata dei figli nella tarda adolescenza, le loro preferenze e i loro gusti in fatto di cioccolato iniziano a convergere con quelle dei genitori, portando a una maggiore condivisione delle uova di Pasqua con tutta la famiglia.

 

 

I consumatori italiani hanno preferenze distinte e diverse quando si tratta di acquistare e consumare le uova di Pasqua, con il gusto e l'italianità che emergono come i driver di scelta più significativi nei diversi segmenti. La ricerca evidenzia l'importanza di comprendere le esigenze e le priorità di diversi segmenti di consumatori, tra cui quelli che hanno figli e quelli che non ne hanno, così come quelli che hanno la passione per la cucina o l'attenzione per la sostenibilità. I brand che riescono a soddisfare queste preferenze e a comunicare efficacemente la loro proposta di valore avranno probabilmente successo nel competitivo mercato delle uova di Pasqua. Tuttavia, è importante notare che il comportamento e le preferenze dei consumatori possono essere fluidi e influenzati da una serie di fattori, tra cui le condizioni economiche, i cambiamenti culturali e le tendenze emergenti. Per questo motivo, sono necessari una ricerca e un adattamento continui per rimanere all'avanguardia e soddisfare le mutevoli esigenze dei consumatori. 

 


Come il colore influenza la percezione del brand

Si dice che un'immagine valga più di mille parole, ma se si tratta di un colore? Nel mondo del branding, il colore può determinare il successo di un'azienda. Dal rosso e giallo energizzanti di McDonald's al verde tranquillo di Whole Foods, la psicologia del colore gioca un ruolo significativo nella percezione che i consumatori hanno di un brand. In questo articolo discuteremo dell'impatto che il colore ha sulla percezione dei consumatori ed esamineremo come i brand possono usare il colore per influenzare il loro pubblico di riferimento. Quindi sedetevi, rilassatevi e preparatevi ad esplorare l'affascinante mondo della psicologia del colore nel branding.  

  

Come consumatori, spesso siamo attratti da certi brand in base al loro aspetto visivo. I colori utilizzati nel logo, nel sito web, nel packaging e nei materiali di marketing di un brand possono avere un impatto significativo sulla nostra percezione del brand. Ecco perché la psicologia del colore gioca un ruolo così importante nel branding. Comprendendo l'impatto che il colore ha sulla percezione dei consumatori, i brand possono usarlo per influenzare il loro pubblico di riferimento e creare una forte identità di marca. 

 

L'impatto del colore sulla percezione dei consumatori  

La psicologia del colore è un argomento complesso e affascinante e il modo in cui il colore influenza le nostre emozioni e il nostro comportamento non è ancora del tutto chiaro. Tuttavia, esistono alcune associazioni generali che le persone tendono a fare con certi colori e che possono influenzare la loro percezione di un brand.  

  

Ad esempio, il blu è spesso associato all'affidabilità, alla competenza e alla professionalità. Per questo motivo molte banche e istituzioni finanziarie utilizzano il blu nel loro brand. Il rosso, invece, è associato all'energia, alla frenesia e alla passione, motivo per cui viene spesso utilizzato dai brand dell'industria alimentare e delle bevande. Altri colori hanno connotazioni diverse, come il verde, associato alla natura e alla salute, il giallo, associato alla felicità e all'ottimismo, e il viola, associato al lusso e alla raffinatezza. Utilizzando questi colori in modo strategico nel loro branding, i brand possono attingere a queste associazioni e influenzare il modo in cui i consumatori percepiscono i loro prodotti o servizi. 

 

Esempi di successo 

Uno degli esempi più riusciti di psicologia del colore nel branding è Coca-Cola. L'iconico schema di colori rosso e bianco del logo Coca-Cola è diventato sinonimo del brand ed è immediatamente riconoscibile in tutto il mondo. L'uso del rosso nel logo non è casuale: il rosso è un colore associato all'energia e alla passione, tutte qualità a cui Coca-Cola vuole essere associata.  

  

Un altro esempio di successo della psicologia del colore nel branding è la combinazione di colori verde e bianco del logo di Starbucks. Il verde è un colore associato alla natura, alla salute e alla freschezza, tutte qualità importanti per il brand Starbucks. L'uso del colore verde nel logo contribuisce inoltre a rafforzare l'impegno dell'azienda per la sostenibilità e l'ambientalismo.  

  color psychology

Esempi non riusciti 

Un esempio di brand che ha fallito il rebranding a causa di un inadeguato uso della psicologia del colore è il retailer JCPenney. JCPenney ha alle spalle una lunga storia di rebranding. Inizialmente fondato con il nome The Golden Rule da James Cash Penney nel 1902, da allora fino ad oggi ha cambiato logo 27 volte e il nome stesso è passato da The Golden Rule a JCPenney&Co a Penney’s a JCPenney e infine nuovamente a Penney’s- in ultimo nel 2019. 

 

Nel 2011, JCPenney si è lanciato in un'operazione di rebranding che ha incluso la modifica del logo e del design dei negozi. Tuttavia, l'uso di un colore rosso acceso nella pubblicità e nelle insegne dei negozi è stato criticato perché troppo aggressivo e non in linea con i valori tradizionali del brand, ovvero qualità e convenienza. Il colore è stato inoltre considerato troppo simile a quello utilizzato dal concorrente Target 

 

Sono state apportate altre modifiche al logo originale, tra cui nuovi elementi grafici e l'uso di "jcp" invece del nome completo del brand. Alla fine, gli studi hanno rivelato che, sebbene l'84% dei consumatori avesse familiarità con il logo originale di JCPenney e il 76% avesse riconosciuto l'aggiornamento minore del 2009, solo il 56% delle persone era in grado di associare JCPenney al logo introdotto nel 2011 

  jcpenney logo evolution

Ahimè, JCPenney ha dovuto fare marcia indietro e tornare ai suoi precedenti elementi di branding, modificando solo in minima parte il font del logo. 

 

Scegliere il colore giusto  

Quando si tratta di scegliere i colori giusti per un brand, ci sono diversi fattori da prendere in considerazione:  

  1. Pubblico di riferimento: È importante considerare il pubblico di riferimento quando si scelgono i colori per un brand. Gruppi di età, generi e culture diverse possono avere preferenze e associazioni cromatiche diverse. Ad esempio, il rosa può essere associato alla femminilità nelle culture occidentali, ma può essere associato alla fortuna e alla prosperità in alcune culture asiatiche.  
  2. Personalità del brand: I colori scelti per un brand devono essere in linea con la personalità e i valori del brand. Ad esempio, un brand di lusso può optare per colori ricchi ed eleganti come l'oro o il viola intenso, mentre un brand giocoso e creativo può scegliere colori vivaci e audaci come il rosa o l'arancione.  
  3. Standard del settore: È importante considerare gli schemi di colore comunemente utilizzati in un determinato settore. Ad esempio, il verde è spesso usato nel settore della salute e del benessere, mentre il blu è comunemente usato nel settore finanziario.  
  4. Contrasto e leggibilità: I colori scelti per un brand devono essere facili da leggere e devono fornire un contrasto sufficiente per la leggibilità. Questo aspetto è particolarmente importante quando si tratta di scegliere i colori per i loghi e altri elementi visivi.  
  5. Emozione e associazione: I colori scelti per un brand devono evocare l'emozione e l'associazione desiderate nel pubblico di riferimento. Per esempio, il blu può evocare un senso di calma e fiducia, mentre il rosso può evocare un senso di eccitazione e urgenza.  

 

Una cosa che potreste aver già notato è che molte piattaforme social media popolari hanno scelto il blu come colore della loro user interface. Questo è un esempio semplice ma efficace di come il blu sia un'opzione ideale per queste piattaforme, in quanto soddisfa tutte le casistiche sopracitate.  

 

In primo luogo, il blu è un colore rilassante e calmante, in grado di far sentire gli utenti rilassati e a proprio agio durante l'utilizzo della piattaforma. Questo è importante per le reti di social media, che mirano a mantenere gli utenti attivi sulla piattaforma il più a lungo possibile.  

 

In secondo luogo, il blu è un colore universalmente apprezzato, il che significa che è improbabile che provochi emozioni negative o fastidiose per gli utenti. Questo è importante per i social network, che mirano a rivolgersi a un'ampia gamma di utenti con background e preferenze diverse.  

 

In terzo luogo, il blu è spesso associato alla fiducia, alla professionalità e all'affidabilità. Questo può essere vantaggioso per i social network, che hanno bisogno di stabilire un senso di fiducia e credibilità con i propri utenti per incoraggiarli a condividere informazioni personali e a interagire con gli altri utenti della piattaforma.  

 

Infine, il blu è un colore comunemente utilizzato nei prodotti tecnologici e digitali. Ciò significa che gli utenti potrebbero già associare il colore blu alle interface digitali e trovarlo familiare e facile da usare. 

 

In conclusione, la psicologia del colore gioca un ruolo significativo nel branding e ha il potere di influenzare il modo in cui i consumatori percepiscono un marchio. Utilizzando strategicamente i colori in linea con la personalità del brand, il target di riferimento e gli standard del settore, i marchi possono creare una forte identità di marca e differenziarsi dalla concorrenza. Tuttavia, è importante scegliere i colori con attenzione, prendendo in considerazione fattori come il contrasto e la leggibilità, ed evocando l'emozione e l'associazione desiderata nel target di riferimento. Come si è visto nell'esempio di JCPenney, un uso inadeguato della psicologia del colore può portare a un insuccesso degli sforzi di rebranding. In definitiva, il successo di un brand nello sfruttare la psicologia del colore risiede nella capacità di creare un linguaggio visivo che parli al suo target e lo coinvolga a livello emotivo. 

 


Il futuro dell'abbigliamento di seconda mano è a un click di distanza

Siete pronti a scoprire la tendenza che sta sconvolgendo l'industria della moda? L'ascesa delle piattaforme online per la compravendita di indumenti di seconda mano ha sbaragliato l'industria della moda e noi siamo qui per svelare le ragioni di questo successo strepitoso. 

 

Sono finiti i tempi in cui si scavava tra gli scaffali polverosi dei mercatini delle pulci e dei negozi vintage. Il mondo virtuale offre oggi agli appassionati di moda infinite opportunità per creare un guardaroba unico e sostenibile senza spendere troppo. Dagli albori di Ebay alla nascita di piattaforme specializzate come Depop e Vinted, il mercato dell'abbigliamento di seconda mano non è mai stato così caldo. 

  

Ma la tendenza non si ferma qui. Anche grandi nomi del fast fashion come Zalando e Asos stanno cavalcando l'onda, offrendo sezioni per i prodotti usati all'interno dei loro siti web. 

  

Ma cosa spinge i consumatori a scegliere tra le piattaforme Marketplace e quelle Brand Owner? La nostra ricerca ad hoc, rappresentativa della popolazione italiana per sesso, età e area geografica, approfondisce le attitudini dei consumatori e il posizionamento di queste piattaforme nel mercato. Preparatevi a scoprire gli affascinanti insight dietro questo fenomeno all'ultima moda. 

  

Il consumatore 

La rivoluzione della moda è qui, e i dati lo dimostrano. Secondo la nostra ricerca ad hoc, il 25% della popolazione intervistata acquista abbigliamento di seconda mano più di una volta al mese, con i millennial in testa al 33%. La tendenza non dà segni di rallentamento: il 45% degli intervistati ha dichiarato di aver aumentato gli acquisti online di abbigliamento di seconda mano rispetto all'anno scorso. 

  

Ma cosa acquistano esattamente? I nostri dati mostrano che le borse sono l'articolo più popolare, con il 45% degli acquisti, seguite a ruota da giacche e cappotti (38%) e felpe (35%). È interessante notare che i giovani adulti (18-34 anni) preferiscono acquistare vestiti (42%), mentre gli anziani (55-65 anni) optano per le borse (53%). 

 

 

Le motivazioni per l'acquisto di abbigliamento di seconda mano sulle piattaforme online variano a seconda della fascia d'età. Per i giovani tra i 18 e i 34 anni, esprimere il proprio stile personale e fare una scelta responsabile dal punto di vista ambientale sono i principali fattori trainanti. Sono appassionati di auto-espressione, il che li rende il segmento SELF-EXPRESSION ORIENTED. Il gruppo dei 35-44enni, invece, si diverte a mettere insieme outfit originali e dà grande importanza al sostenere una buona causa, guadagnandosi l'etichetta FUN AND SOCIALLY RESPONSIBLE. Infine, il gruppo dei 45-65enni è tutto incentrato sull'affare e sul risparmio, dove l'accesso ad articoli di qualità superiore o di lusso a un prezzo inferiore è la priorità assoluta. Sono i BARGAIN HUNTERS del gruppo. 

 

 

Awareness, consideration, usership 

Nel nostro approfondimento sulla notorietà, la considerazione e l'utilizzo del brand, abbiamo analizzato i top player nel mercato italiano per la categoria piattaforme Marketplace (che consiste in piattaforme in cui vende una terza parte, ad esempio Wallapop, Vinted, Subito.it) e piattaforme Brand Owner (in cui il brand stesso avvia la rivendita dei propri prodotti di seconda mano). Nonostante siano meno numerose, le piattaforme Brand Owner vantano un impressionante 43% di notorietà, anche se non possono competere con i player dominanti e consolidati della categoria Marketplace. Questo vale anche per la considerazione e l'utilizzo, in quanto le piattaforme Marketplace detengono una quota di mercato significativa e valori elevati. Tuttavia, è importante notare che la situazione potrebbe cambiare nei prossimi anni, dato che un numero maggiore di brand è motivato dalla domanda dei consumatori e dall'emergenza del cambiamento climatico a lanciare iniziative simili e a ottenere visibilità e considerazione. A differenza di molte piattaforme di Marketplace, le piattaforme Brand Owner si fanno carico di garantire la qualità dei prodotti, il che potrebbe dare loro un vantaggio competitivo nel lungo periodo. 

 

 

Brand Image 

Analizzando gli attributi d’immagine delle piattaforme Marketplace rispetto a quelle Brand Owner, possiamo osservare che le prime sono ampiamente considerate più convenienti, con un vantaggio del 5%, e più giovani, con un vantaggio del 2%. D'altro canto, le piattaforme Brand Owner sono percepite come un po' più sicure rispetto alle piattaforme Marketplace. Entrambi i tipi di piattaforme sono percepiti come ugualmente affidabili, innovative ed etiche. È interessante notare che le piattaforme Marketplace sono percepite come di qualità inferiore rispetto alle piattaforme Brand Owner. Questi risultati sono in linea con la percezione generale che le persone hanno di queste piattaforme. La sicurezza sta diventando una preoccupazione sempre più seria per le piattaforme Marketplace, che storicamente hanno fornito meno protezione ai consumatori. La percezione di una qualità inferiore sulle piattaforme Marketplace può essere attribuita al fatto che il venditore è una terza parte e non c'è garanzia che il prodotto che arriva per posta corrisponda all'annuncio e non presenti danni maggiori di quelli descritti nella descrizione del prodotto. 

 

 

In definitiva, la diffusione di piattaforme online per la compravendita di abbigliamento di seconda mano ha rivoluzionato il settore della moda, offrendo ai consumatori opzioni sostenibili e convenienti. Mentre le piattaforme Marketplace dominano attualmente il mercato, le piattaforme Brand Owner stanno guadagnando terreno grazie alla loro attenzione alla qualità e alla sicurezza. Con l'ingresso di altri brand nel mercato e con il progressivo adattamento di queste piattaforme alle cangianti esigenze dei consumatori, possiamo aspettarci che questo trend continui e si evolva in modo avvincente. 

 

report completo

 


De-influencing: Una spinta verso l’autenticità nell'era dello scetticismo

Negli ultimi anni, l’influencer marketing ha preso d'assalto il mondo della pubblicità. Le aziende hanno investito miliardi di dollari in collaborazioni con influencer sui social media per promuovere i loro prodotti ai loro follower. Tuttavia, negli ultimi anni, si è sviluppata una tendenza crescente verso il "de-influencing", un movimento che sfida il modello tradizionale degli influencer e spinge per maggiore autenticità e trasparenza nella pubblicità.

 

La tendenza del de-influencing è stata guidata da diversi fattori. Uno dei più significativi è la crescente consapevolezza del potenziale dei contenuti sponsorizzati. Molti consumatori sono diventati più scettici sulle raccomandazioni degli influencer, credendo che potrebbero non essere genuine e siano solo un modo per gli influencer di guadagnare denaro. Questo scetticismo è stato aggravato da diversi scandali di influencer che hanno mostrato comportamenti disonesti e tutt’altro che etici nell'industria.

 

Un altro fattore che guida la tendenza del de-influencing è la crisi economica derivante dalla pandemia COVID-19. Poiché le persone diventano più consapevoli di come spendono i loro soldi, in particolare per i beni non essenziali, cercano maggior valore e autenticità nei prodotti che acquistano. Non sono più contenti di seguire semplicemente le raccomandazioni degli influencer e cercano invece informazioni più obiettive da una varietà di fonti.

 

Nonostante la crescente tendenza verso il de-influencing, è importante notare che parte di questo movimento è, in realtà, influencer marketing mascherato. Ad esempio, un influencer su piattaforme come TikTok consiglia ai propri follower di non acquistare un determinato prodotto perché non vale il prezzo sull’etichetta. Tuttavia, nel farlo, potrebbero spingere un'alternativa più economica che ha un interesse finanziario a promuovere.

 

Mentre la tendenza del de-influencing è ancora ai suoi primi stadi, è chiaro che i consumatori stanno diventando più esigenti e cercano interazioni più genuine con i brand e gli individui. Le aziende che abbracciano l'autenticità e la trasparenza nei loro sforzi di marketing sono probabilmente quelle che vedranno il maggior successo in questo nuovo panorama.

 

È importante notare che l’influencer marketing è ancora uno strumento altamente efficace per i brand che cercano di accrescere il loro pubblico e aumentare le loro vendite. Quando eseguito correttamente, l’influencer marketing può generare un ROI incredibile, aumentare la brand awareness e costruire un rapporto di fiducia con i consumatori. Tuttavia, nel clima attuale del de-influencing, è importante per i marchi essere consapevoli di questa tendenza e capire come affrontare il problema.

 

Un modo per i brand per navigare la tendenza al de-influencing è quello di spostare il loro focus dai macro-influencer ai micro-influencer. I micro-influencer tendono ad avere pubblici più piccoli ma più engaged, e i loro follower spesso si fidano di più delle loro raccomandazioni rispetto a quelle di influencer più grandi. Durante uno dei nostri studi condotti per un noto brand agroalimentare, abbiamo notato come l'impiego di una macro-influencer abbia generato risultati significativamente migliori per quanto riguarda la brand awareness, mentre la differenza nei risultati ottenuti dai macro e micro-influencer per quanto riguarda l'opinione, la considerazione e la preferenza era meno evidente. Tuttavia, abbiamo riscontrato che i micro-influencer hanno ottenuto risultati migliori nella parte inferiore del funnel, ovvero l'intenzione di acquisto.

 

micro macro influencers

Uno studio di Influencer Intelligence ha riscontrato che i tassi di engagement per gli influencer di Instagram con meno di 1000 follower erano dell'8,8%, rispetto all'1,7% degli influencer con oltre 100.000 follower. I brand possono anche cercare di costruire relazioni a lungo termine con gli influencer, anziché solo partnership occasionali, per instaurare fiducia e autenticità con il loro pubblico.

 

Un altro studio condotto da Markerly ha analizzato oltre 800.000 account Instagram e ha scoperto che gli influencer con un numero di follower compreso tra 1.000 e 10.000 hanno in media i tassi di engagement più elevati. Ciò suggerisce che i micro-influencer potrebbero essere più efficaci nel generare engagement e aumentare la brand awareness rispetto agli influencer più grandi, soprattutto su un target di consumatori più specifico o di nicchia.

 

Un'altra strategia per i brand è quella di concentrarsi sulla creazione di contenuti autentici che risuonino con il loro pubblico target. Mostrando persone reali ed esperienze reali, i brand possono creare una base di clienti fedeli che valorizzano l'autenticità e la trasparenza. I brand possono anche investire in contenuti generati dagli utenti, che sono spesso considerati più affidabili e vicini alle esperienze reali rispetto ai contenuti dei brand.

 

In termini di onestà e trasparenza, uno studio di Stackla ha rilevato che il 90% dei consumatori afferma che l'autenticità è importante nella scelta dei marchi da sostenere. Un altro studio di Edelman ha rilevato che il 63% dei consumatori si fida di ciò che gli influencer dicono sui brand più di ciò che i brand dicono di se stessi. Ciò suggerisce che essere onesti e trasparenti con i consumatori può essere un modo potente per i brand di costruire fiducia e fedeltà con il loro pubblico.

 

In definitiva, il de-influencing è un avvertimento per i brand affinché siano consapevoli dei cambiamenti nel mondo della pubblicità. Essere trasparenti, autentici e incentrati sulla costruzione di relazioni con il pubblico, i brand possono continuare a sfruttare il potere dell’influencer marketing in modo che risuoni con i consumatori e porti ai risultati commerciali auspicati.

 

Questa tendenza è una forte risposta alla crescente diffidenza e alla richiesta di autenticità nel mondo della pubblicità, ma anche un sintomo della crisi economica che ha reso i consumatori più consapevoli di come spendono i loro soldi. Sebbene possa esserci a sua volta del marketing nascosto dietro il movimento, è in definitiva un appello a una maggiore trasparenza e onestà nell'industria. Le aziende che rispondono a questa chiamata sono probabilmente destinate a prosperare nel nuovo scenario della pubblicità.

 


Come scegliere lo sport giusto da sponsorizzare per il tuo brand

La sponsorizzazione è una strategia di marketing efficace che molte aziende utilizzano per rafforzare l'immagine del proprio brand, aumentare la notorietà e la considerazione. Tuttavia, i risultati che un brand ottiene sponsorizzando uno sport o una squadra possono variare in modo significativo a seconda dello sport, della squadra e del panorama competitivo in cui opera il brand stesso. In questo articolo, esamineremo come i brand che sponsorizzano determinati sport ottengano risultati diversi in termini di attributi d'immagine del brand e notorietà in base allo sport e alla squadra che decidono di sponsorizzare, considerando anche il panorama competitivo del loro settore. 

 

La sponsorizzazione esclusiva e l’impatto sulla brand image e awareness 

Consideriamo il caso del brand X che ha deciso di sponsorizzare uno sport non avendo altri concorrenti nel suo settore che sponsorizzano attivamente sport. Come risultato, abbiamo osservato un aumento significativo della brand awareness durante la stagione attiva dello sport. In particolare, nei due periodi attivi analizzati, la brand awareness è aumentata del 70.4% e del 96.5% per i tifosi dello sport. Anche per coloro che guardano lo sport di rado e non sono così appassionati da definirsi tifosi, la brand awareness è aumentata rispettivamente del 48.1% e del 41.4% durante le stesse stagioni attive. È importante notare che la brand awareness sia per i normali spettatori che per i tifosi è aumentata nel corso dell'anno, il che indica che l'impatto della sponsorizzazione è stato duraturo ed efficace nell'upper funnel. 

 

Inoltre, la sponsorizzazione ha avuto un impatto positivo sugli attributi dell'immagine del brand. Lo sport sponsorizzato ha portato un aumento dell'affidabilità, della qualità, della semplicità d'uso e, soprattutto, della distintività. Ciò potrebbe essere in parte dovuto al fatto che il brand X era l'unica azienda del settore a sponsorizzare questo sport, conferendogli un posizionamento unico e memorabile. Si è registrato anche un aumento degli attributi legati alla lungimiranza, come l'essere smart, digital, al passo con i tempi e orientato al futuro. Questo dimostra come i diversi sport possano avere un impatto sui vari attributi dell'immagine del brand e come la scelta della giusta sponsorizzazione possa avere un impatto significativo su quest'ultima. 

 

awareness-sponsorships

 

La comunicazione della sponsorizzazione e i suoi effetti sul brand 

Consideriamo ora il caso del brand Y che ha deciso di sponsorizzare uno sport popolare in un panorama altamente competitivo in cui anche molti dei suoi concorrenti sponsorizzano sport. Abbiamo analizzato l'impatto della sponsorizzazione sui KPI del brand Y dopo aver aggiunto la sponsorizzazione alle campagne pubblicitarie, mantenendo invariati gli altri elementi dello spot originale. 

 

Abbiamo osservato che l'aggiunta della sponsorizzazione ha reso l'annuncio più attraente, originale e apprezzato dagli spettatori. Tuttavia, l'impatto sulla memorabilità e sulla credibilità dell'annuncio è stato pressoché nullo. La nuova campagna ha portato anche livelli più alti di originalità, credibilità del brand e storicità, poiché lo sport popolare ha potuto contribuire grazie ai propri attributi di reputazione forti e affermati. 

 

È importante sottolineare che diversi team e sport avranno probabilmente un impatto diverso sugli attributi dell'immagine del brand. Gli sport più di nicchia potrebbero comunicare esclusività, mentre le squadre che vincono più spesso potrebbero comunicare affidabilità. La sponsorizzazione di giocatori, team o sport che esistono da molto tempo e che sono molto amati dai loro fan potrebbe comunicare un forte senso di vicinanza al brand e dare una percezione di maggiore competenza. 

 

ad-comparison-sponsorships

 

I case study sotto gli occhi di tutti 

Alcune ricerche hanno dimostrato che la sponsorizzazione sportiva può avere un impatto significativo sull'immagine e sulla percezione di un brand, in particolare quando la sponsorizzazione è esclusiva o quando è associata a uno sport popolare e rilevante. Per esempio, la nota sponsorizzazione di Red Bull di sport estremi ha contribuito ad affermare l'immagine del brand come giovane, dinamico ed eccitante, mentre la sponsorizzazione di team e atleti sportivi di alto profilo ha rafforzato l'immagine di Nike come brand sportivo affidabile e competente. 

 

Secondo uno studio condotto da McKinsey & Company nel 2017, la sponsorizzazione sportiva può avere un impatto significativo anche sulla performance di un brand. Lo studio ha rilevato che le aziende che hanno aumentato l'investimento nelle sponsorizzazioni di almeno il 10% hanno registrato un aumento del 7% nella preferenza per il brand e un aumento del 6% nell'intenzione di acquisto da parte dei consumatori. Allo stesso modo, un articolo di Forbes del 2019 afferma che la sponsorizzazione sportiva può portare a un aumento della brand equity, della loyalty dei clienti e dell'engagement sui social media. L'articolo citava un case study relativo alla sponsorizzazione di Colin Kaepernick della NFL da parte di Nike, che ha portato a un aumento del 31% delle vendite online del brand dovuto alla posizione rivoluzionaria assunta dall'atleta contro la brutalità della polizia e la disuguaglianza razziale, mettendo a rischio la sua carriera per una causa in cui credeva profondamente. In questo caso, sponsorizzando Kaepernick, Nike ha scelto di allineare il proprio brand a questi valori e l'azienda è stata premiata dai consumatori. 

 

In conclusione, le sponsorizzazioni possono avere un impatto significativo sull'immagine e sulla reputazione di un brand e la scelta della sponsorizzazione giusta può fare la differenza. I brand dovrebbero considerare attentamente il panorama del loro settore, le sponsorizzazioni dei loro concorrenti e gli attributi che vogliono comunicare al loro pubblico di riferimento quando decidono quali sport o team sponsorizzare.

 


Rasatura Maschile: il Profilo dei Consumatori e la loro Opinione dei Brand

La barba è tornata di moda negli ultimi anni, ma per molti uomini è molto più di un semplice trend. Che si tratti di una barba completa, di una leggera barba incolta o di una rasatura impeccabile, il modo in cui un uomo cura la propria barba può dire molto su di lui. In quanto player nel settore del personal grooming, è necessario rimanere al passo con le ultime tendenze e le preferenze dei consumatori per assicurarsi che il proprio brand resti rilevante e competitivo. Ecco perché abbiamo condotto uno studio esaustivo sulle abitudini di cura della barba e sull'uso dei regolabarba tra i consumatori di cinque paesi diversi: Germania, Spagna, Francia, Italia e Regno Unito. In questo articolo, analizzeremo i risultati della nostra ricerca e forniremo informazioni che ti aiuteranno a comprendere meglio il tuo mercato di riferimento e a sviluppare strategie di marketing efficaci. 

 

Profilo dei consumatori cross-country

Come abbiamo definito il perimetro della ricerca e i risultati di un'indagine approfondita sulle abitudini di cura della barba degli uomini

I nostri campioni sono rappresentativi della popolazione in termini di età e area geografica in ciascuno dei paesi. Per questa ricerca, abbiamo intervistato uomini con barba e/o baffi con l'obiettivo di acquisire una comprensione più profonda del consumatore tipo di regolabarba. 

 

MOTIVAZIONI PER AVERE LA BARBA E/O I BAFFI

 

ESTETICA 

Come mostrato nel grafico qui sotto, la maggior parte degli uomini sceglie di farsi crescere la barba per motivi estetici. Secondo i dati raccolti, una media complessiva del 72,6% degli uomini intervistati ha riferito che il motivo principale per cui si fa crescere la barba è il suo appeal visivo. 

 

Suddividendo la categoria "estetica" in motivazioni individuali e specifiche, ulteriori analisi dei dati rivelano che questa tendenza è particolarmente evidente in Spagna e nel Regno Unito, dove rispettivamente il 48% e il 45% dei rispondenti ha riferito di pensare di avere un aspetto migliore con la barba che senza. Questo è il motivo predominante in tutti i paesi. 

 

Il sondaggio ha inoltre rilevato che i tedeschi credono che avere una barba li renda più "mascolini" (33%). È importante notare che il concetto di "mascolinità" e la sua associazione con la barba possono avere radici culturali distinte in diverse parti del mondo. Ad esempio, in alcune culture, una barba completa può essere associata a saggezza ed esperienza, mentre in altre, un baffo ben curato può essere considerato un segno di sofisticazione. 

 

Purtroppo, la moda è stata anche una motivazione importante per far crescere la barba in Germania (21%), Francia (25%) e Italia (21%). 

 

ESPERIENZA 

Mentre l'estetica e le aspettative culturali sono state identificate come motivazioni chiave per gli uomini che decidono di farsi crescere barba o baffi, il sondaggio ha anche rivelato che esperienza legata all’avere barba o baffi è un fattore significativo per molti partecipanti. Infatti, gli uomini di tutti i paesi coinvolti nello studio hanno riportato che l'esperienza della rasatura è spesso sgradevole o fastidiosa (media 29,6%; mediana 30%). 

 

Inoltre, il sondaggio ha evidenziato che la forte spinta a provare qualcosa di nuovo è un'altra motivazione importante per gli uomini che decidono di farsi crescere barba o baffi in tutti i paesi tranne la Francia. 

 

Tuttavia, abbiamo anche potuto constatare che la peer pressure non è stata identificata come una ragione significativa per gli uomini che decidono di farsi crescere barba o baffi. Ciò suggerisce che, sebbene gli uomini possano essere influenzati dal loro ambiente culturale, sono principalmente motivati dalle loro preferenze e dalle loro esperienze personali quando si tratta di cura personale. 

 

 

UTILITÀ/IGIENE  

  

I motivi utilitaristici e igienici si sono piazzati al terzo posto nel Regno Unito. Gli uomini in Spagna (23%), Italia (23%) e Regno Unito (22%) hanno indicato le irritazioni e le imperfezioni della pelle come un problema comune associato alla rasatura, e molti ritengono che farsi crescere barba e baffi sia un modo per evitare questi problemi. È chiaro che molti uomini in questi Paesi considerano la barba o i baffi un modo per alleviare questo problema e migliorare l'esperienza complessiva della cura del corpo.  

  

È interessante notare che i dati del sondaggio hanno anche rilevato che il 26% degli intervistati britannici ha dichiarato che tenere il viso al caldo è una ragione importante per farsi crescere la barba o i baffi. Ciò suggerisce che barba e baffi possono avere aspetti pratici che variano notevolmente da un Paese all'altro, soprattutto quando si tratta di clima. In effetti, potremmo osservare che la Spagna (9%) è il Paese meno preoccupato di come la barba possa contribuire al calore del viso, dato che è anche, in media, il Paese più caldo tra i 5 intervistati.  

 

In termini di igiene, i dati del sondaggio indicano che questo aspetto è stato ampiamente trascurato dalla maggior parte dei Paesi. Tuttavia, nel Regno Unito, il 9% degli intervistati ha indicato l'igiene come motivo per farsi crescere barba o baffi. 

  

PERCEZIONE DELL'ETÀ  

  

Secondo i dati del sondaggio, gli uomini in Germania (28%), Francia (24%) e Regno Unito (28%) sono i più interessati a farsi crescere la barba per sembrare più adulti. Questo dato è interessante perché suggerisce che, in queste culture, barba e baffi sono visti come un simbolo di maturità e forse anche di autorità.  

  

Sebbene i Paesi oggetto dell'indagine sembrino più interessati a sembrare più adulti, piuttosto che più giovani, vale la pena notare che questa percezione della barba non è universale. In alcune culture, ad esempio, la barba è associata alla giovinezza e alla vitalità. Lo si può notare in paesi come l'India e l'Iran. In queste culture, far crescere la barba è spesso associato all'ingresso nell'età adulta o al raggiungimento di un certo livello di status sociale.  

  

Vale anche la pena di considerare i modi in cui la percezione dell'età può cambiare nel tempo. In passato, ad esempio, la barba era spesso associata alla vecchiaia e alla saggezza. Ciò si riflette in figure storiche come Confucio, spesso raffigurato con una lunga barba come simbolo della sua prodezza intellettuale.  

  

Nel complesso, questa indagine mette in luce le complesse motivazioni alla base della decisione degli uomini di farsi crescere la barba. Se l'estetica e l'esperienza sono le ragioni principali, anche fattori più pratici, culturali, sociali e individuali giocano un ruolo importante. Poiché gli atteggiamenti verso la cura della barba maschile continuano ad evolversi, sarà interessante vedere come queste tendenze cambieranno nel tempo. 

La nostra ricerca prosegue con un approfondimento sui brand della categoria dei regolabarba e sul suo panorama competitivo. Abbiamo misurato la brand awareness e la salienza dei brand e condotto un'analisi completa del loro posizionamento mettendolo a confronto con gli attributi di immagine più rilevanti, identificando così delle aree valoriali mancanti nel settore che possono rappresentare un'opportunità di differenziazione per incumbents e new player.

Vuoi saperne di più sugli attributi valoriali più rilevanti per i consumatori e su quanto ogni singolo brand è forte rispetto a questi ultimi?

 

Per avere una presentazione del report completo, contattaci cliccando qui sotto:

 

contattaci

iscriviti


Come i Brand possono Differenziarsi e Distinguersi in un Mercato Affollato

Nell'era digitale odierna, le aziende devono adattarsi alle nuove tecnologie e ai cambiamenti del comportamento dei consumatori per aumentare efficacemente il ritorno sugli investimenti (ROI). L'aumento dei media digitali ha creato nuove opportunità per le aziende di raggiungere e interagire con i consumatori, ma ha anche introdotto nuove sfide e complessità. Una delle principali strategie per superare queste sfide è la differenziazione. Le aziende che si differenziano dai loro concorrenti possono creare una proposta di valore unica e accattivante che risuona con i consumatori. 

 

Uno dei modi principali per le aziende di aumentare efficacemente il ROI nell'era digitale è utilizzando i dati e l'analisi. Raccogliendo e analizzando dati sul comportamento dei consumatori, le aziende possono ottenere preziose informazioni su ciò che funziona e ciò che non funziona. Queste informazioni possono essere utilizzate per creare campagne di marketing mirate e personalizzate che hanno maggiori probabilità di risuonare con i consumatori. Inoltre, i dati e l'analisi possono essere utilizzati per ottimizzare e misurare le performance delle campagne digitali, consentendo alle aziende di prendere decisioni basate sui dati su dove e come allocare il loro budget di marketing. 

 

Un altro modo per le aziende di aumentare il ROI nell'era digitale è sfruttare i social media. Le piattaforme di social media come Facebook, Instagram, Twitter e TikTok forniscono alle aziende una linea diretta di comunicazione con i consumatori. Ciò consente alle aziende di costruire relazioni con i consumatori e creare un senso di community. Inoltre, permette alle aziende di ottenere preziose informazioni sul comportamento, le preferenze e le opinioni dei consumatori. Inoltre, le piattaforme di social media forniscono alle aziende l'opportunità di raggiungere nuovi pubblici attraverso post sponsorizzati, influencer marketing e altre tattiche. 

 

Tuttavia, le marche devono essere consapevoli delle sfide che accompagnano i media digitali, come l'aumento degli ad-blocker, il cambiamento del comportamento dei consumatori e la crescente concorrenza, sempre più digital-present ed agguerrita. Per superare queste sfide, le marche devono adottare un approccio incentrato sul cliente, comprendere il loro pubblico di destinazione e fornirgli contenuti rilevanti, preziosi e coinvolgenti. Inoltre, le marche dovrebbero concentrarsi sulla costruzione della fiducia e della trasparenza con i loro clienti e utilizzare un approccio basato sui dati per informare le loro decisioni di marketing.  

 

Un modo per le marche di differenziarsi è concentrandosi sui loro punti di forza unici o sulla "proposizione di valore unica" (UVP). Un UVP è il beneficio specifico o l'insieme di benefici che una marca fornisce che la distingue dai suoi concorrenti. Identificando e comunicando chiaramente il loro UVP, le marche possono creare un messaggio persuasivo che risuona con i consumatori e rendere più probabile che scelgano quella marca rispetto ad altre.  

 

Un altro modo per differenziarsi è concentrandosi sulla customer experience. Le marche possono differenziarsi fornendo un servizio clienti eccezionale, un'esperienza online-offline “seamless” o creando un senso di community tra i clienti. Facendo ciò, le marche possono creare una base di clienti fedeli che è più propensa a raccomandare la marca ad altri.  

 

Inoltre, le marche possono differenziarsi creando una forte brand identity e costruendo una potente brand history. Una solida brand identity è una rappresentazione visiva della personalità e dei valori di una marca che aiuta a creare un legame emotivo con i consumatori. Una potente brand history, d'altra parte, è una narrazione che comunica la missione, i valori e lo scopo della marca in modo coinvolgente e autentico. Entrambi gli elementi sono strumenti potenti che possono aiutare le marche a distinguersi nell'era digitale e creare un'impressione duratura sui consumatori. 

 

Uno studio di McKinsey & Company ha rilevato che le aziende che si differenziano dai loro concorrenti hanno un ritorno sull'investimento del 30% superiore rispetto a quelle che non si differenziano. Un'altra ricerca di Forrester Research ha scoperto che le aziende che si distinguono attraverso la customer experience superano i concorrenti di quasi l'80%. In conclusione, la differenziazione è una strategia potente che può aiutare i marchi a distinguersi in un mercato affollato e sovrasaturato 

 

Concentrandosi sui loro punti di forza unici, la customer experience, la brand identity e brand history, i marchi possono creare una proposta di valore unica e accattivante che risuona con i consumatori, aumentare il ritorno sull'investimento e creare una base di clienti fedeli. 

 

iscriviti


Il Messaggio e la Brand Personality per Massimizzare la Memorabilità

Il messaggio nelle comunicazioni di marketing è fondamentale per trasmettere la personalità del brand e massimizzare la memorabilità della pubblicità e del prodotto. Nella creazione di campagne di marketing, è essenziale tenere presente che il messaggio dovrebbe allinearsi con la personalità e i valori del brand. Ciò aiuta a stabilire la fiducia e la credibilità con il pubblico di destinazione e a fare una forte impressione su di loro. La personalità di un brand è essenzialmente le sue caratteristiche simili a quelle umane e ha l’obiettivo di aiutare il brand a creare una connessione emotiva con il consumatore. 

 

Ci sono molti dati a supporto dell'importanza del messaggio nella comunicazione di marketing nella trasmissione della personalità del brand e nella massimizzazione della memorabilità della pubblicità e del prodotto. Uno studio condotto dal Marketing Science Institute ha rilevato che quando i consumatori avevano un forte legame emotivo con un brand, erano più propensi ad essere fedeli al brand e a fare acquisti ripetuti. Lo studio ha anche rilevato che i brand con una personalità coerente e chiara erano più propensi a stabilire un legame emotivo con i consumatori. 

 

Le campagne pubblicitarie che creano un legame emotivo con i consumatori sono più efficaci nella crescita del brand rispetto alle campagne che si concentrano solo sui benefici del prodotto. Gli annunci che suscitano una risposta emotiva producono un ritorno sull'investimento di gran lunga superiore rispetto agli annunci che sono semplicemente informativi.  

 

In termini di memorabilità, uno studio della rivista Advertising Research ha rilevato che gli annunci più creativi e unici erano più probabili che fossero ricordati dai consumatori. Lo studio ha rilevato che gli annunci che utilizzavano l'umorismo, la narrazione o incorporavano eventi attuali avevano un tasso di recall maggiore rispetto agli annunci più diretti e informativi.  Un messaggio coerente su tutte le piattaforme e i canali può aiutare ad aumentare in modo significativo il brand recall. 

 

Un esempio di un brand alimentare che ha ottenuto risultati migliori attraverso un’attività di fine-tuning del loro messaggio nei loro annunci è Coca-Cola. Il brand è conosciuto per la sua iconica campagna "Open Happiness" che è durata per diversi anni. La campagna era progettata per promuovere l'idea che Coca-Cola sia un piacere semplice che unisce le persone e crea momenti felici. La campagna è stata un successo perché si allineava con la personalità del brand di essere divertente e rinfrescante e ha creato una connessione emotiva con i consumatori enfatizzando l'idea di felicità. L'azienda ha utilizzato una varietà di canali per promuovere la campagna, tra cui televisione, stampa, OOH e pubblicità digitale. Hanno anche utilizzato un messaggio coerente su tutti i canali, il che ha aiutato a rafforzare l'idea di felicità e aumentare il recall del brand. La campagna è stata molto efficace nell'aumentare la fedeltà al brand e nel guidare le vendite, poiché è riuscita a creare una forte connessione emotiva con i consumatori.  

 

In conclusione, il messaggio nella comunicazione di marketing svolge un ruolo cruciale nella trasmissione della personalità del brand e nella massimizzazione della memorabilità dell'annuncio e del prodotto. I brand che allineano efficacemente il loro messaggio con la loro personalità e i loro valori e utilizzano un approccio creativo e coerente hanno maggiori possibilità di creare un'impressione duratura e essere ricordati dai consumatori. Coca-Cola è un ottimo esempio di come l'allineamento del messaggio nella comunicazione di marketing con la personalità e i valori del brand e l'utilizzo di un approccio coerente su tutti i canali possa portare a risultati migliori, aumentando la fedeltà al brand, guidando le vendite e creando un'impressione duratura sui consumatori. 

iscriviti