La vacanza perfetta: Uno spaccato delle abitudini di viaggio degli italiani

Con l'avvicinarsi della stagione estiva, gli italiani attendono con ansia le loro meritate vacanze. Una recente ricerca da noi condotta ha cercato di scoprire le preferenze dei viaggiatori italiani quando si tratta di scegliere il tipo di vacanza e la destinazione. Approfondiamo gli affascinanti risultati ed esploriamo le diverse preferenze degli italiani.

 

Preferenze in base all'età

Esaminando gli atteggiamenti degli intervistati in base alla loro età, è emerso un pattern specifico. La fascia d'età più giovane (18-35 anni) ha mostrato una maggiore inclinazione verso i viaggi in solitaria o con gli amici. Ciò può essere attribuito al desiderio di indipendenza e di arricchirsi con nuove esperienze che spesso accompagna le nuove generazioni. Esplorare nuovi luoghi e creare ricordi duraturi con amici o viaggiatori che la pensano allo stesso modo è in linea con il loro desiderio di avventura e libertà.  

  

Tra questi giovani viaggiatori, i viaggi organizzati dalle agenzie (sia di gruppo che individuali) e lo zaino in spalla sono stati le scelte preferite. I viaggi organizzati offrono la comodità di un itinerario strutturato, assicurando un'esplorazione senza problemi, mentre lo zaino in spalla consente flessibilità e la possibilità di immergersi nella cultura locale. Entrambe le opzioni offrono l'opportunità di incontrare nuove persone, stringere amicizie e creare esperienze indimenticabili.  

  

Al contrario, gli intervistati di età compresa tra i 35 e i 54 anni erano più propensi a intraprendere vacanze con la famiglia, dando valore alle esperienze condivise. Questa preferenza può essere attribuita alla fase della vita in cui si trovano queste persone, in cui i legami familiari e la creazione di ricordi duraturi insieme diventano priorità importanti. Il desiderio di creare un senso di unione e di offrire ai figli esperienze arricchenti è spesso alla base di queste scelte di vacanza.  

  

È interessante notare che gli intervistati più senior sono apparsi relativamente indifferenti in termini di preferenza per i compagni di viaggio. Ciò può essere attribuito al fatto che gli individui di questa fascia d'età hanno spesso maggiore libertà di scegliere i propri compagni di viaggio o possono aver già adempiuto alle proprie responsabilità familiari. Possono essere più aperti a varie opzioni di viaggio, che si tratti di esplorazione in solitaria o di viaggi con amici.  

 

 

Inoltre, lo studio ha rivelato che le priorità delle vacanze variano a seconda delle fasce d'età. Gli intervistati di età compresa tra i 18 e i 24 anni hanno dato priorità all'avventura e al divertimento, cercando esperienze emozionanti durante le loro vacanze. Il desiderio di dedicarsi ad attività adrenaliniche, come gli sport acquatici, le escursioni o l'esplorazione di centri urbani vivaci, riflette l'energia e l'entusiasmo giovanile di questa fascia d'età. 

 

Per gli intervistati di età compresa tra i 35 e i 54 anni, il relax e il comfort sono stati i fattori chiave, sottolineando il desiderio di rilassarsi e rigenerarsi. Le impegnative responsabilità del lavoro e della vita familiare possono spingere a desiderare un'esperienza di vacanza tranquilla e coccolosa. Che si tratti di un lussuoso ritiro in una spa, di una fuga in spiaggia o di una fuga in campagna, l'attenzione è rivolta a trovare sollievo e indulgenza.  

  

Infine, gli over 55 apprezzano l'aspetto della scoperta, cercando di immergersi in nuove culture e di esplorare territori sconosciuti. Avendo potenzialmente adempiuto agli obblighi familiari e professionali, questa fascia d'età spesso accoglie l'opportunità di espandere i propri orizzonti. L'esplorazione di luoghi storici, la visita di musei e il coinvolgimento nelle tradizioni locali arricchiscono le loro esperienze di viaggio.  

 

 

Vacanze in Italia e all'estero

La ricerca ha fatto luce anche sul dilemma perenne dei viaggiatori italiani: scegliere tra destinazioni nazionali e internazionali. Sorprendentemente, un clamoroso 61% degli intervistati ha espresso una preferenza per le vacanze in Italia. Questa forte inclinazione verso i viaggi nazionali può essere attribuita a diversi fattori.  

  

In primo luogo, gli italiani sono innatamente orgogliosi del loro ricco patrimonio culturale e della diversità del loro Paese. L'importanza storica, i tesori artistici e le rinomate specialità culinarie dell'Italia esercitano un fascino irresistibile sui viaggiatori nazionali. Esplorare le numerose regioni e città italiane permette agli italiani di approfondire la propria cultura, le proprie tradizioni e la propria storia.  

  

Inoltre, il clima favorevole che si trova in varie parti d'Italia la rende una destinazione attraente per i vacanzieri. Dalle coste assolate della Costiera Amalfitana al mite clima mediterraneo della Toscana, gli italiani possono praticare una serie di attività all'aperto, dalle rilassanti giornate in spiaggia all'esplorazione dei pittoreschi paesaggi di campagna.  

  

Inoltre, il cibo locale gioca un ruolo importante nelle scelte di vacanza degli italiani. L'Italia è celebrata a livello internazionale per le sue delizie gastronomiche, e ogni regione offre esperienze culinarie uniche. Esplorare i diversi sapori e le specialità regionali aggiunge un ulteriore livello di piacere ai viaggi nazionali. 

 

D'altra parte, il 15% degli intervistati ha preferito viaggiare all'estero, mentre il 24% era aperto a esplorare entrambe le opzioni. Coloro che hanno preferito viaggiare all'estero hanno citato diverse ragioni per la loro scelta. In primo luogo, il desiderio di novità e di ricchezza culturale è spesso alla base del fascino delle destinazioni internazionali. Esplorare culture diverse, monumenti storici e siti del patrimonio mondiale dell'UNESCO permette ai viaggiatori di ampliare i propri orizzonti e di apprezzare maggiormente la diversità globale.  

  

Inoltre, il fascino della vivace vita notturna e delle scene di intrattenimento che si trovano nelle città internazionali attrae spesso chi cerca esperienze vivaci e cosmopolite. La disponibilità di infrastrutture turistiche, tra cui un'ampia gamma di opzioni di alloggio e reti di trasporto efficienti, aumenta il fascino dei viaggi all'estero.  

 

 

Pianificazione del viaggio

Quando si tratta di pianificare le vacanze, un considerevole 68% degli intervistati ha dichiarato di essere pienamente responsabile dell'organizzazione del viaggio. Questa tendenza evidenzia la crescente indipendenza e autosufficienza dei viaggiatori italiani. Pianificare le proprie vacanze permette di personalizzare le proprie esperienze, scegliendo destinazioni e attività in linea con le proprie preferenze.  

  

Tuttavia, il 16% degli intervistati si è affidato alle agenzie di viaggio per la pianificazione delle vacanze, soprattutto nella fascia di età compresa tra i 18 e i 34 anni. Questo ricorso alle agenzie di viaggio può essere attribuito a diversi fattori. In primo luogo, i viaggiatori più giovani spesso non hanno il tempo o le risorse per pianificare a fondo le loro vacanze. Le agenzie di viaggio offrono la comodità di consigli di esperti, itinerari curati e supporto logistico, rendendo il processo più semplice per queste persone.  

 

  

Inoltre, gli intervistati che hanno utilizzato le agenzie di viaggio per prenotare le loro vacanze hanno optato principalmente per tour organizzati (sia di gruppo che individuali), crociere e vacanze in resort. Queste esperienze confezionate offrono un livello di convenienza e tranquillità, con alloggi, trasporti e attività meticolosamente pianificati. Ciò consente ai viaggiatori di concentrarsi sul piacere della vacanza senza lo stress della logistica.  

  

 

Questa ricerca fornisce preziose indicazioni sulle preferenze degli italiani in materia di vacanze, offrendo una panoramica completa dei fattori che guidano i loro processi decisionali. Evidenzia le diverse preferenze tra i vari gruppi di età, facendo luce sulle priorità e sui desideri unici dei viaggiatori italiani per i quali l'Italia occupa un posto speciale nel loro cuore.  La ricca storia del Paese, il clima favorevole, la cucina rinomata e la diversità culturale ne fanno una scelta irresistibile per molti. Allo stesso tempo, le destinazioni internazionali attirano i viaggiatori con le loro esperienze inedite, la ricchezza culturale e la vivace vita notturna.  

 

Con l'avvicinarsi della stagione delle vacanze estive, i risultati di questa ricerca aiuteranno senza dubbio i viaggiatori, gli enti del turismo e le aziende ad adattare le loro offerte per soddisfare le preferenze specifiche dei vacanzieri italiani. Che si tratti di avventure in solitaria, fughe in famiglia, fughe romantiche o esplorazioni culturali, l'Italia e il resto del mondo offrono una vasta gamma di opzioni per soddisfare la voglia di viaggiare degli italiani. Comprendendo e affrontando queste preferenze, le esperienze di viaggio nazionali e internazionali possono essere ottimizzate per offrire vacanze indimenticabili a tutti. 

 

E tu dove viaggerai quest'estate?

 


La sostenibilità come forza positiva: I brand pionieri del cambiamento

Al giorno d'oggi la sostenibilità non è solo termine alla moda, ma un'efficace strategia che sempre più aziende stanno adottando per contribuire a portare un cambiamento significativo. Integrando la responsabilità socio-ambientale nei loro sforzi di marketing, le aziende non solo fanno la cosa giusta, ma sono anche testimoni di notevoli benefici. In questo articolo analizzeremo come le aziende stanno incorporando la sostenibilità nel loro brand, illustrando esempi d'ispirazione e dati a supporto che dimostrano i vantaggi etici e economici di un approccio "green". 

 

  • Riprogettare i prodotti per un futuro più green: Le aziende che danno priorità alla sostenibilità stanno riprogettando i loro prodotti e servizi con un approccio rispettoso del pianeta. Prendiamo ad esempio Patagonia, l'azienda di abbigliamento outdoor. L'azienda ha rivoluzionato la propria linea di prodotti utilizzando materiali riciclati, sostenendo la riparazione e il riutilizzo e promuovendo la trasparenza nella propria catena di approvvigionamento. Di conseguenza, ha attirato con successo i consumatori attenti all'ambiente: il 76% dei clienti è più propenso ad acquistare da loro grazie al loro impegno ambientale (Forbes, 2021). È una situazione vantaggiosa per Patagonia e per il pianeta. 

 

  • La trasparenza crea fiducia e fedeltà: Un brand sostenibile di successo esige una comunicazione chiara e trasparente sulle iniziative eco-friendly di un'azienda. Lush, il marchio di bellezza, è un ottimo esempio di come questo approccio rafforzi la fedeltà al brand. Lush sfrutta i suoi canali di marketing per informare i consumatori sugli ingredienti di origine etica e cruelty-free e sui suoi sforzi per ridurre i rifiuti da imballaggio. Grazie alla trasparenza delle sue pratiche, Lush ha costruito la fiducia dei suoi clienti. Una comunicazione trasparente porta alla fiducia, e la fiducia si traduce in una fedeltà a lungo termine dei clienti. 

 

  • Collaborazione per un maggiore impatto: La sostenibilità è uno sforzo collettivo e le aziende riconoscono il potere della collaborazione per raggiungere obiettivi condivisi. La partnership di Unilever con il World Wildlife Fund (WWF) per la campagna "Cool Food Pledge" esemplifica la forza della collaborazione. Unilever si è impegnata a ridurre l'impronta di carbonio dei suoi prodotti alimentari e, collaborando con il WWF, ha incoraggiato altre aziende alimentari a seguirne l'esempio. L'impatto collettivo di queste collaborazioni non solo crea un cambiamento positivo, ma migliora anche la reputazione del brand. Vale la pena notare che l'87% dei consumatori acquisterebbe un prodotto da un'azienda che sostiene un tema a loro caro (Cone Communications, 2021). La collaborazione è uno strumento potente per promuovere la sostenibilità e costruire una base di clienti fedeli. 

 

  • Influencer: Ambasciatori green del cambiamento: L'influencer marketing è diventato una strategia fondamentale per le aziende che puntano a promuovere la sostenibilità. Brand come Patagonia e TOMS Shoes hanno unito le forze con persone influenti che condividono i loro valori. Sfruttando la portata e la credibilità di questi influencer, le aziende comunicano efficacemente le loro iniziative di sostenibilità a un pubblico più ampio. L'impatto è notevole: il 63% dei consumatori si fida delle opinioni degli influencer su argomenti sociali e ambientali (Morning Consult, 2021). L'influencer marketing permette alle aziende di ispirare il cambiamento e generare un'immagine positiva del brand, entrando in contatto con una base di consumatori più ampia.  

 

  • Misurazione e report per rendere conto: Per dimostrare il loro impegno nei confronti della sostenibilità, le aziende misurano e rendono conto del loro impatto ambientale e sociale. IKEA, il retailer globale di arredamento, si distingue per la sua strategia "People and Planet Positive". Questa iniziativa mira ad avere un impatto positivo sull'intera filiera. Rendendo regolarmente conto dei propri progressi, IKEA rafforza la propria dedizione alla trasparenza e alla responsabilità. Questo impegno risuona con i consumatori, il 62% dei quali ritiene che le aziende debbano condividere i progressi compiuti in materia di impegno sociale e ambientale (Cone Communications, 2021). La misurazione e la rendicontazione dell'impatto non solo dimostrano la responsabilità etica di un'azienda, ma aumentano anche la fiducia e la fedeltà dei clienti. 

 

Nel settore agroalimentare, i dati della nostra ricerca evidenziano la crescente importanza della sostenibilità come considerazione chiave per i consumatori. Alla domanda su quali siano gli aspetti più importanti per l'acquisto di un prodotto alimentare, il 15% degli intervistati ha indicato la sostenibilità come una delle ragioni principali, mentre il 5% l'ha classificata come il primo aspetto più importante. Queste cifre sottolineano l'importanza della sostenibilità nel determinare le decisioni di acquisto dei consumatori.  

  

Inoltre, i dati rivelano le aree specifiche della sostenibilità a cui i consumatori danno priorità. Alla domanda su quali siano gli aspetti della sostenibilità su cui le aziende dovrebbero concentrarsi, il 31% ha posto l'accento sulla sostenibilità ambientale, sottolineando la necessità per le aziende di affrontare le problematiche ambientali nelle loro attività. Inoltre, il 18% degli intervistati ha sottolineato l'importanza della trasparenza nella filiera di produzione, indicando che i consumatori tengono a sapere da dove provengono i loro alimenti e come vengono prodotti. 

 

Un'ulteriore analisi dei dati mette in luce le considerazioni specifiche sulla sostenibilità che i consumatori ritengono più importanti. Un sostanzioso 45% degli intervistati ha citato la riduzione dei consumi come aspetto cruciale, indicando una crescente consapevolezza della necessità di ridurre il consumo eccessivo e di promuovere abitudini di acquisto responsabili. Anche la riduzione delle emissioni di CO2 è stata citata dal 42% degli intervistati, a dimostrazione dell'importanza di ridurre al minimo l'impronta di carbonio nella produzione e distribuzione dei prodotti alimentari. Inoltre, il 42% ha citato l'importanza di un imballaggio riciclabile al 100%, a testimonianza del forte desiderio dei consumatori di soluzioni di imballaggio che riducano al minimo i rifiuti e contribuiscano a un'economia circolare. Anche la riduzione dei rifiuti (40%) e l'uso di ingredienti sostenibili (24%) sono stati riconosciuti come fattori chiave nella percezione della sostenibilità da parte dei consumatori. 

  

Questi dati rafforzano l'idea che la sostenibilità non è più una considerazione periferica, ma un aspetto fondamentale che determina le preferenze dei consumatori. Le aziende che danno priorità alla sostenibilità ambientale, che promuovono la trasparenza e che affrontano problemi specifici di sostenibilità sono in sintonia con i consumatori che cercano di allineare i loro valori con le loro decisioni di acquisto. 

 

Incorporare la sostenibilità nel branding e nelle comunicazioni aziendali esterne è senza dubbio un passo significativo verso un cambiamento positivo. Tuttavia, è fondamentale che le aziende vadano oltre gli sforzi di superficie e ottimizzino i processi e le filiere produttive per allinearsi alle loro dichiarazioni di sostenibilità. In caso contrario, non solo si rischia un pesante backlash da parte dei consumatori, ma si espongono le aziende all'accusa di "greenwashing", ovvero di presentare un'immagine responsabile dal punto di vista ambientale pur continuando a contribuire all'inquinamento o a pratiche di lavoro poco etiche, per esempio. Per mantenere la credibilità ed evitare danni alla reputazione, le aziende devono dare priorità all'allineamento delle loro attività ai principi della sostenibilità, assicurando che le loro azioni siano coerenti con gli impegni dichiarati. Adottando un approccio olistico alla sostenibilità, le aziende possono davvero avere un impatto significativo e autentico, guadagnandosi la fiducia e il sostegno di consumatori sempre più esigenti.

 

Impegnarsi per la sostenibilità non significa solo fare la cosa giusta, ma è anche un percorso verso la redditività e il successo a lungo termine per le aziende. Riprogettando i prodotti, comunicando in modo trasparente le iniziative, collaborando con le parti interessate, sfruttando gli influencer e misurando l'impatto, le aziende possono creare una potente narrazione del brand incentrata sulla sostenibilità. I dati parlano chiaro: i consumatori apprezzano sempre più la sostenibilità e sono disposti a pagare di più e a rimanere fedeli ai brand che condividono i loro valori. Il branding sostenibile continuerà a essere una forza trainante, consentendo alle aziende di avere un impatto positivo sul mondo e di raccogliere i benefici di una base di clienti prospera. 

 


Amplificare il Brand Engagement ed esaltare l'esperienza dei clienti con la Realtà Aumentata

Nel frenetico mondo della pubblicità è fondamentale essere all'avanguardia. Mentre i brand si sforzano di catturare il proprio pubblico di riferimento, è emerso un potente strumento in grado di trasformare il panorama: La realtà aumentata (AR). Grazie alla sua capacità di fondere il regno digitale e quello fisico, la AR ha rivoluzionato il modo in cui i brand si rivolgono ai clienti, offrendo esperienze immersive che lasciano un impatto duraturo. In questo articolo esploriamo il ruolo dell'AR nella pubblicità e approfondiamo esempi e dati reali che dimostrano come essa migliori il coinvolgimento dei brand e l'esperienza dei clienti. 

 

  • Colmare il divario tra mondo virtuale e reale: la realtà aumentata integra perfettamente elementi virtuali nell'ambiente fisico, aprendo agli investitori pubblicitari nuove strade per coinvolgere il proprio pubblico. Ad esempio, IKEA, il famoso retailer di arredamento, ha sviluppato l'app IKEA Place, che utilizza la Realtà Aumentata per consentire ai clienti di collocare virtualmente i mobili nelle loro case. Come risultato, IKEA ha registrato un aumento del 98% dell'engagement sull'app e un aumento del 45% delle conversioni, dimostrando il potere dell'AR di facilitare le decisioni di acquisto.  

 

  • Aumentare il richiamo e il riconoscimento del brand: Le campagne pubblicitarie basate sull'AR hanno dimostrato la capacità di lasciare un'impressione duratura nella mente dei consumatori, con conseguente aumento del ricordo del brand. Una campagna di Coca-Cola in collaborazione con l'azienda di AR Blippar ha portato a un aumento del 6% della notorietà del brand e a un aumento del 18% dell'intenzione di acquisto tra i consumatori che hanno interagito con l'esperienza AR. 

 

  • Promuovere il coinvolgimento dei consumatori e la condivisione social: Le campagne AR hanno il potere innato di catturare il pubblico, incoraggiando la partecipazione attiva e la condivisione sui social. Snapchat, una nota piattaforma di social media, ha introdotto le lenti AR che sovrappongono filtri animati ai volti degli utenti. Le lenti sono diventate presto un fenomeno virale, con milioni di utenti che hanno condiviso le loro esperienze creative. Secondo Snap Inc. gli inserzionisti che hanno utilizzato le lenti AR hanno ottenuto un aumento del 33% della notorietà del brand e del 31% della sua preferibilità 

 

  • Personalizzazione e customizzazione: L'AR offre un'opportunità unica ai brand di offrire esperienze personalizzate e su misura, in base alle preferenze individuali. Il brand di cosmetici Sephora ha lanciato una funzione di prova virtuale del trucco alimentata dall'AR all'interno della sua applicazione mobile. Gli utenti possono provare virtualmente diverse tonalità di rossetto, ombretto e altri prodotti, offrendo un'esperienza personalizzata. Sephora ha registrato un aumento del 200% dei tassi di conversione per i clienti che hanno utilizzato la funzione di prova AR.  

 

  • Approfondimenti misurabili e ritorno sull'investimento (ROI): Le campagne AR forniscono dati preziosi che possono essere analizzati per misurare il successo e ottimizzare le strategie. In un caso di studio condotto dalla piattaforma pubblicitaria AR Vertebrae, un brand automobilistico di lusso ha integrato annunci AR nella propria campagna digitale. I risultati hanno mostrato un aumento del 135% del coinvolgimento rispetto agli annunci non AR, oltre a un aumento del 32% dei tassi di clic. Queste metriche evidenziano l'efficacia dell'AR nel catturare e mantenere l'attenzione del pubblico. 

 

Inoltre, il Vision Pro di Apple, delle cuffie all'avanguardia di realtà mista, ha entusiasmato gli esperti di marketing per il suo potenziale. Sebbene il prodotto sia ancora in fase embrionale e abbia un prezzo considerevole, la sua prospettiva per il futuro è accattivante. Immaginate un mondo in cui le esperienze di marketing diventano più immersive, coinvolgenti e divertenti. Vision Pro offre agli addetti al marketing la possibilità di interagire con il pubblico in modi mai visti prima. Possono creare dimostrazioni interattive di prodotti, annunci pubblicitari accattivanti e contenuti con cui gli utenti possono interagire simultaneamente all'interno delle cuffie. L'integrazione di Vision Pro con il più ampio ecosistema Apple offre opportunità di campagne pubblicitarie senza discontinuità su diversi dispositivi Apple. Questa piattaforma immersiva ha il potenziale per innescare un cambiamento nel modo in cui le persone percepiscono e utilizzano il concetto di metaverso. Sebbene ci siano ancora sfide da superare, come il miglioramento dell'esperienza utente e la risoluzione dei problemi di privacy, l'entusiasmo degli sviluppatori per la creazione di app per Vision Pro lascia presagire un futuro entusiasmante. Se gli sviluppatori creano esperienze coinvolgenti che attirano gli utenti e li fanno continuare a tornare, gli addetti al marketing seguiranno naturalmente l'esempio con lo stesso entusiasmo. Il Vision Pro promette di trasformare le strategie di marketing e di rivoluzionare il modo in cui i brand entrano in contatto con il loro pubblico.  

  

La realtà aumentata ha dimostrato la sua capacità di rivoluzionare la pubblicità, amplificando il coinvolgimento dei brand ed elevando le esperienze dei clienti. Esempi reali, come IKEA, Coca-Cola, Snapchat e Sephora, dimostrano i vantaggi tangibili dell'incorporazione della AR nelle strategie pubblicitarie. Dal collegamento tra il mondo virtuale e quello reale all'aumento del ricordo del marchio, al coinvolgimento dei consumatori, alla personalizzazione e alla fornitura di informazioni misurabili, l'AR è diventata uno strumento indispensabile per i brand che vogliono differenziarsi e prosperare nel mercato competitivo di oggi. Con il lancio del Vision Pro di Apple, il futuro della pubblicità AR sembra ancora più promettente, inaugurando una nuova era di esperienze di marketing immersive che cattureranno il pubblico e plasmeranno il modo in cui i brand si connettono con i loro clienti target. 

 


L'Effetto TikTok: Come i Trend Virali Spingono i Prodotti al Successo Istantaneo

Nella frenetica era digitale di oggi, le piattaforme dei social media sono diventate un terreno fertile per le tendenze e le sensazioni virali. Tra queste, TikTok è emerso come un potente catalizzatore per la scoperta e la promozione dei prodotti. Grazie alla sua vasta base di utenti e ai contenuti altamente coinvolgenti, TikTok ha la capacità di portare determinati prodotti sotto i riflettori, con conseguenti vendite rapide e popolarità diffusa. In questo articolo esploriamo il potere di TikTok nel promuovere le vendite di vari prodotti in diversi settori, da quello alimentare e cosmetico a quello dell'abbigliamento. 

 

FETA 

L'industria della feta ha dovuto affrontare una scarsità senza precedenti quando una deliziosa ricetta chiamata "Feta Pasta" è diventata virale su TikTok. Questa ricetta appetitosa prevede la cottura di un blocco di formaggio feta con pomodori, aglio, olio d'oliva e sale, prima di mescolare il tutto con la pasta cotta. La semplicità e la bontà del piatto hanno attirato l'attenzione degli utenti di TikTok, provocando un'impennata di popolarità. Con hashtag come #FetaPasta che hanno accumulato ben 1,3 miliardi di visualizzazioni e #BakedFetaPasta che ha raggiunto 224 milioni di visualizzazioni, la ricetta è diventata una sensazione. Di conseguenza, i supermercati hanno faticato a tenere il passo con l'impennata della domanda di questo saporito formaggio, lasciando vuoti gli scaffali dei negozi e mettendo in evidenza l'incredibile influenza che TikTok esercita sul comportamento dei consumatori. 

 

DRUNK ELEPHANT E CERAVE  

TikTok è diventato uno spazio prospero per gli appassionati di bellezza, rendendolo una miniera d'oro per i brand di cosmetici e prodotti per la cura della pelle. Un esempio lampante dell'impatto di TikTok sul settore è l'ascesa di Drunk Elephant con il prodotto Bronzing Drops, che ha ottenuto un'immensa trazione sulla piattaforma grazie a una combinazione di influencer marketing a pagamento e raccomandazioni genuine degli utenti. Gli utenti desiderosi di ricreare l'ambito look baciato dal sole reso popolare dai creatori di TikTok si sono accalcati per acquistare il prodotto, portando a un rapido sell-out. Un altro brand di prodotti per la cura della pelle che ha registrato un significativo boom di popolarità grazie a TikTok è CeraVe. Nell'estate del 2021, gli utenti di TikTok hanno scoperto e condiviso il loro amore per i prodotti CeraVe, dando vita a una tendenza virale. Il tag #CeraVe su TikTok ha accumulato ben 6,4 miliardi di visualizzazioni, dimostrando l'ampia presenza del brand sulla piattaforma. Questa impennata di popolarità non solo si è tradotta in un'effervescenza online, ma ha anche portato a una crescita tangibile delle vendite. Solo nel 2021, CeraVe ha generato ben 1 miliardo di dollari di vendite, sottolineando l'enorme impatto che TikTok può avere sull'aumento della visibilità di un brand e sulla spinta agli acquisti dei consumatori. 

 

UNIQLO 

La mini borsa a tracolla rotonda di Uniqlo ha conquistato TikTok, diventando un successo a sorpresa nonostante il suo design semplice. La borsa a forma di mezzaluna, inizialmente considerata un basico, ha guadagnato popolarità grazie alla sua spaziosità, tanto da essere paragonata alla magica borsa di Mary Poppins. Gli utenti di TikTok si sono filmati mentre preparavano e svuotavano la borsa, mostrando la sua capacità di contenere una quantità impressionante di oggetti. La borsa è diventata rapidamente la più venduta di Uniqlo, esaurendosi più volte e consolidando il suo status di accessorio all'ultima moda del 2023. Nel Regno Unito la borsa è andata esaurita 7 volte in 18 mesi. 

 

CAT CRACK CATNIP 

Anche il mondo felino non è sfuggito al potere virale di TikTok. Un prodotto che ha guadagnato immensa popolarità sulla piattaforma è stato il "Cat Crack Catnip", una delizia per gatti. Grazie al suo irresistibile fascino, gli utenti di TikTok hanno inondato la piattaforma di video che mostrano i loro gatti impazzire per questo snack felino. Il tag #CatCrack ha accumulato da solo ben 11 milioni di visualizzazioni, a dimostrazione della frenesia diffusa intorno a questo prodotto. La domanda travolgente di erba gatta Cat Crack ha fatto sì che l'azienda esaurisse completamente le scorte, lasciando i proprietari di gatti a caccia del ricercato spuntino. Anche su piattaforme di e-commerce popolari come Amazon, questa erba gatta non è ancora disponibile, evidenziando l'immensa influenza che TikTok esercita sul comportamento dei consumatori, estendendosi anche al mondo dei prodotti per animali. 

 

THE PINK STUFF  

Gli utenti di TikTok sono sempre alla ricerca di prodotti economici ma altamente efficaci e The Pink Stuff è diventato rapidamente un fenomeno sulla piattaforma. Questo prodotto per la pulizia, giustamente chiamato The Pink Stuff, ha raccolto un'attenzione immensa e ha generato un seguito massiccio. L'hashtag #ThePinkStuff da solo ha accumulato ben 766 milioni di visualizzazioni, mentre #pinkstuff ha attirato oltre 585 milioni di visualizzazioni, dimostrando l'ampia popolarità di questa soluzione detergente. La mania di TikTok per The Pink Stuff ha provocato un'impennata della domanda che ha superato di gran lunga l'offerta disponibile. I rapporti di Epicurious hanno rivelato che il prodotto è andato ripetutamente esaurito negli Stati Uniti, lasciando frustrati i consumatori desiderosi di accaparrarselo. Inoltre, l'elevata domanda ha portato a casi di prezzi gonfiati, con venditori che hanno approfittato della scarsità e gonfiato i prezzi. 

 

L'impatto di TikTok sulle vendite dei prodotti va oltre l'influencer marketing a pagamento, anche se la collaborazione con gli influencer rimane una strategia preziosa per i brand che vogliono sfruttare la piattaforma. Un approccio efficace è quello di collaborare con micro-influencer specializzati in contenuti legati al settore del brand. I micro-influencer, con il loro pubblico più ristretto ma altamente coinvolto, sono spesso percepiti come più autentici e relazionabili rispetto agli influencer più grandi. Collaborando con micro-influencer che hanno una passione genuina per i prodotti del brand, le aziende possono attingere alla fiducia del loro pubblico e creare un effetto a catena di adozione del prodotto. 

  

Per esempio, quando un content creator popolare su TikTok mostra i benefici del rossetto Clinique Almost Lipstick, i follower lo notano e sono più propensi a provare loro stessi il prodotto. Questo tipo di approvazione autentica innesca una reazione a catena, con gli utenti desiderosi di condividere le loro esperienze positive e le loro raccomandazioni, portando in ultima analisi le vendite per il brand. La capacità di TikTok di amplificare queste raccomandazioni autentiche contribuisce al suo ruolo di game-changer nel panorama del marketing B2C. 

  

L'ascesa di TikTok come fenomeno virale ha avuto implicazioni significative per il marketing e le vendite di prodotti in diversi settori. Dall'industria alimentare, dove una singola ricetta può scatenare una mania a livello internazionale, ai settori della cosmetica e della moda, dove nascono le tendenze e i prodotti si esauriscono rapidamente, TikTok ha dimostrato di essere una piattaforma potente per influenzare il comportamento dei consumatori. Sia che i brand scelgano di utilizzare l'influencer marketing a pagamento o di sfruttare il potere organico delle raccomandazioni genuine, l'impareggiabile capacità di TikTok di generare buzz e guidare le vendite lo rende uno strumento essenziale per le aziende che cercano un successo rapido e diffuso dei prodotti. Man mano che i brand continueranno a esplorare e sfruttare il potenziale di TikTok, possiamo aspettarci di assistere a un numero ancora maggiore di prodotti che diventeranno virali e andranno a ruba in tempi record. 

 


I Prodotti ad Alto Contenuto Proteico: Un Trend per Sportivi e Non

I prodotti ad alto contenuto proteico hanno registrato una notevole impennata in termini di popolarità, in quanto sia gli sportivi che coloro che si propongono di mantenere uno stile di vita sano sono alla ricerca di soluzioni pratiche e ad elevato tenore proteico. In particolare, brand non originariamente associati allo sport sembrano avere individuato questa tendenza in crescita e aver diversificato il loro portfolio di prodotti, con l'obiettivo di catturare l'attenzione dei consumatori più attivi che danno priorità all'assunzione di proteine e cercano opzioni gustose e convenienti. Questo articolo esplora i driver di acquisto associati ai prodotti proteici pronti da mangiare ed esamina come questi driver differiscano in base ai livelli di attività fisica degli intervistati e alle motivazioni che li spingono a praticare sport.

 

 

Notorietà del Brand e Usership

Nel complesso, i brand classici hanno un tasso di conversione dalla notorietà all'utilizzo superiore del 14% rispetto ai brand per sportivi, nonostante la notorietà sia leggermente maggiore per quest'ultimi. Ciò suggerisce che, nonostante i brand per sportivi sono ben conosciuti, quando si tratta di acquistare il prodotto i brand classici con le loro linee di prodotti proteici riescono a tradurre meglio la notorietà in un'effettiva adozione del prodotto.

 

 

Tuttavia, se si considerano gli individui che non praticano alcuno sport, i brand classici presentano un tasso di conversione più elevato rispetto ai brand per sportivi (52%). Questa disparità può essere attribuita ad alcuni fattori chiave. In primo luogo, i brand sportivi hanno spesso un prezzo più alto a causa del loro posizionamento specializzato e degli sforzi di marketing mirati. I consumatori non sportivi possono trovare questi prezzi meno attraenti o percepirli come un sovrapprezzo che non sono disposti a pagare. Inoltre, i brand per sportivi tendono ad essere meno reperibili, essendo spesso presenti soprattutto nei negozi specializzati piuttosto che ampiamente accessibili nei supermercati. Questa limitata reperibilità può dissuadere le persone non sportive dall'acquistare prodotti di brand per sportivi, in quanto preferiscono la familiarità dei brand classici che si trovano comodamente nei punti vendita tradizionali.

È interessante notare che tra gli individui che praticano attività sportive quotidiane, i brand per sportivi godono di livelli di notorietà più elevati (96%) rispetto alle linee sportive dei brand classici (88%), anche se la percentuale rimane comunque molto alta. Questo dato suggerisce che i brand sportivi hanno coltivato efficacemente una forte presenza e reputazione all'interno della comunità sportiva. Tuttavia, nonostante la maggiore notorietà del brand, le linee sportive dei brand classici sono preferite dall'individuo sportivo medio quando si tratta di acquistare.

 

Driver d'Acquisto in Base alla Frequenza dell'Attività Sportiva

Classificando gli intervistati in tre gruppi in base ai loro livelli di attività sportiva (mai, spesso, tutti i giorni), abbiamo identificato i diversi driver di acquisto per ciascun gruppo.

 

 

Gli individui che non praticano sport danno priorità alla reperibilità, alla golosità e al rapporto qualità-prezzo quando scelgono alimenti proteici pronti da mangiare. Ciò può essere attribuito alla loro attenzione ai costi, alla ricerca di opzioni convenienti che rientrino nel loro budget, pur dando la priorità al gusto e al piacere dei loro pasti. Apprezzano i prodotti che offrono un equilibrio tra prezzo ragionevole e qualità percepita. Inoltre, la praticità e la facilità di inserimento nella routine quotidiana giocano un ruolo cruciale, in quanto privilegiano le opzioni pronte al consumo che richiedono una preparazione minima e si inseriscono perfettamente nei pasti o negli spuntini esistenti.

 

Chi pratica spesso sport apprezza la varietà di gusti, l'apporto calorico, la sostenibilità e la reperibilità nei supermercati piuttosto che nei negozi specializzati. Nell'insieme, queste preferenze riflettono le esigenze e le priorità specifiche delle persone che praticano sport frequentemente e che si concentrano sull'ottimizzazione dell'alimentazione e sulla sostenibilità delle proprie scelte, privilegiando la praticità nella loro vita frenetica.

 

Le persone impegnate in attività sportive quotidiane danno priorità agli alimenti proteici pronti da mangiare in base a driver molto specifici. Per loro è prioritario l'uso di ingredienti vegani. L'originalità dei sapori è importante per mantenere la varietà e il piacere nella loro dieta. Preferiscono la reperibilità nei negozi specializzati, poiché questi negozi soddisfano le loro esigenze dietetiche specifiche. Inoltre, danno molta importanza alle dimensioni dei prodotti per il controllo delle porzioni e la praticità per assecondare il loro stile di vita attivo. Queste preferenze riflettono il loro impegno a favore di un'alimentazione ottimale, a sostegno delle loro prestazioni fisiche e ad allineare le loro scelte alimentari con la loro routine attiva.

 

Driver d'Acquisto in base alla Motivazioni che Spingono a Praticare Sport

Incrociando i driver di acquisto con la nostra profilazione proprietaria basata sulle motivazioni che spingono gli intervistati a praticare sport, abbiamo raccolto alcune osservazioni interessanti:

  • ABILITÀ: gli individui che si concentrano sul miglioramento delle proprie abilità sportive attribuiscono grande valore al contenuto proteico, ma mostrano neutralità nei confronti della praticità di consumo e della golosità. Driver come la reperibilità, le calorie e la convenienza sono meno importanti per questo segmento.
  • COMPETIZIONE E RICONOSCIMENTI: la praticità di consumo è di primaria importanza per questo segmento, mentre l'apporto calorico ha un'importanza minore. Il contenuto proteico e il gusto sono relativamente più bassi nella lista delle priorità.
  • CONDIZIONE FISICA E ANTISTRESS: I valori nutrizionali, compreso il contenuto proteico e le considerazioni sulle calorie, influenzano notevolmente le decisioni di acquisto di questo segmento. Anche il gusto, la facilità di consumo e la disponibilità giocano un ruolo fondamentale nelle loro scelte.
  • DIVERTIMENTO / PASSATEMPO: questo segmento presenta una posizione più equilibrata sui vari driver di acquisto, con una maggiore enfasi sulla praticità di consumo, seguita dai valori nutrizionali.

 

 

La crescente popolarità degli alimenti proteici pronti da mangiare può essere vista come una nuova tendenza che sta gradualmente sostituendo la precedente attenzione per i prodotti "leggeri" e "a basso contenuto calorico". Questo cambiamento può essere attribuito a diversi fattori. In primo luogo, molti individui oggi pongono maggiore attenzione alla salute e alla forma fisica generale, riconoscendo l'importanza di un adeguato apporto proteico per il recupero muscolare, la sazietà e il benessere generale. Gli alimenti proteici pronti da mangiare offrono una soluzione comoda e accessibile per soddisfare questo fabbisogno proteico. In secondo luogo, il mercato ha visto un afflusso di prodotti che forniscono realmente un elevato contenuto proteico rispetto all'apporto calorico, superando i livelli proteici medi presenti negli alimenti di origine naturale. In definitiva, l'ascesa degli alimenti proteici pronti da mangiare rappresenta un cambiamento nelle tendenze dietetiche verso l'attenzione alle opzioni ricche di proteine, offrendo ai consumatori un modo conveniente e attraente per incorporare proteine adeguate nella loro routine quotidiana.

 

Comprendere i diversi driver di acquisto associati agli alimenti proteici è fondamentale per i brand che cercano di rivolgersi efficacemente a specifici segmenti di consumatori. Riconoscendo le diverse esigenze e preferenze dei consumatori in base ai loro livelli di attività fisica e alle motivazioni che li spingono a praticare sport, i brand possono adattare di conseguenza le loro offerte di prodotti e le loro strategie di marketing. Per gli individui non sportivi, la reperibilità e la convenienza sono considerazioni fondamentali, mentre gli individui sportivi danno maggiore importanza ai valori nutrizionali, alla praticità e alla sostenibilità. Inoltre, allineare i driver di acquisto con le motivazioni che spingono a praticare sport può migliorare ulteriormente la rilevanza dei brand e l'attrattiva dei consumatori. Poiché il mercato degli alimenti proteici pronti da mangiare continua a espandersi, i brand che danno priorità alle informazioni sui consumatori e adattano le loro offerte per soddisfare i diversi gruppi target si posizioneranno per il successo in questo panorama competitivo.

 


Il Potere della Pubblicità nei Podcast e le Campagne di Successo

Negli ultimi anni la popolarità dei podcast è esplosa, così come quella della pubblicità sui podcast. Infatti, la podcast advertising ha generato un fatturato di oltre 1,8 miliardi di dollari nel 2022. Ciò è dovuto in parte al pubblico altamente interessato e fedele che i podcast attirano, rendendo la pubblicità sui podcast una strategia di marketing molto efficace. In questo articolo esamineremo il potere della pubblicità nei podcast e forniremo esempi di campagne di successo.  

  

Innanzitutto, consideriamo perché la pubblicità nei podcast è così efficace. Uno dei motivi principali è il pubblico altamente mirato. Gli ascoltatori di podcast sono spesso molto appassionati dei contenuti che ascoltano, il che significa che è più probabile che siano interessati ai prodotti o ai servizi pubblicizzati. Inoltre, la pubblicità nei podcast spesso coinvolge i conduttori che sostengono personalmente il prodotto, il che può creare un senso di fiducia e autenticità per il pubblico. 

  

podcast advertising

 

Casper Mattresses, Harry's Razors, ZipRecruiter e HelloFresh sono solo alcuni esempi di aziende che hanno utilizzato con successo il podcast advertising per attirare nuovi clienti e aumentare le vendite. Diamo un'occhiata più da vicino a ciascuna di queste campagne per capire cosa le ha rese così efficaci. 

 

Materassi Casper  

Casper, un'azienda produttrice di materassi, ha stretto una partnership con diversi podcast popolari, tra cui WTF with Marc Maron e Reply All. L'azienda ha offerto agli ascoltatori uno sconto speciale sui materassi, che ha contribuito ad attirare nuovi clienti. La strategia pubblicitaria di Casper si è concentrata sulla convenienza e sulla qualità dei prodotti. Rivolgendosi agli ascoltatori di podcast che apprezzano una buona notte di sonno, Casper è riuscita a raggiungere un pubblico altamente coinvolto e fedele.  

  

La campagna ha avuto un grande successo: Casper ha registrato un aumento delle vendite del 20% durante la campagna. Il successo dell'azienda è dovuto in parte alla capacità di comunicare efficacemente i vantaggi del prodotto al pubblico giusto. Grazie alla collaborazione con podcast popolari e all'offerta di uno sconto, Casper è riuscita a creare un senso di urgenza tra gli ascoltatori e a incoraggiarli all'acquisto.  

  

I rasoi di Harry's  

Harry's, un'azienda di prodotti per l'igiene maschile, ha sponsorizzato diversi podcast, tra cui The Tim Ferriss Show e The Joe Rogan Experience. La strategia pubblicitaria dell'azienda prevedeva l'offerta agli ascoltatori di una prova gratuita dei loro rasoi, che ha contribuito ad attirare nuovi clienti. Harry's si è concentrato sulla qualità e sull'accessibilità dei suoi prodotti, sottolineando l'impegno dell'azienda a fornire una migliore esperienza di rasatura.  

La campagna ha avuto un grande successo: Harry's ha registrato un aumento delle vendite del 60% durante la campagna. Offrendo una prova gratuita, Harry's ha potuto abbassare la barriera d'ingresso per i nuovi clienti e incoraggiarli a provare i suoi prodotti. L'impegno dell'azienda per la qualità e l'accessibilità dei prezzi ha risuonato anche con gli ascoltatori del podcast, che apprezzano entrambe le cose. 

 

ZipRecruiter  

ZipRecruiter, un sito web di annunci di lavoro, ha sponsorizzato diversi podcast, tra cui The Daily e Freakonomics Radio. La strategia pubblicitaria dell'azienda prevedeva la promozione dei propri servizi sia ai datori di lavoro che alle persone in cerca di lavoro, il che ha contribuito ad attirare nuovi clienti. ZipRecruiter ha enfatizzato la convenienza e la facilità della propria piattaforma, sottolineando la capacità dell'azienda di mettere in contatto rapidamente i datori di lavoro con candidati qualificati.  

  

La campagna ha avuto un grande successo: ZipRecruiter ha registrato un aumento del 25% degli annunci di lavoro durante la campagna. Rivolgendosi sia ai datori di lavoro che alle persone in cerca di lavoro, ZipRecruiter è riuscita a raggiungere un ampio pubblico e a posizionarsi come piattaforma di annunci di lavoro di riferimento. La strategia pubblicitaria dell'azienda ha comunicato efficacemente il valore della piattaforma e ha incoraggiato gli ascoltatori a provarla.  

  

HelloFresh  

HelloFresh, un servizio di consegna pasti, ha sponsorizzato diversi podcast, tra cui My Favorite Murder e Stuff You Should Know. La strategia pubblicitaria dell'azienda prevedeva l'offerta agli ascoltatori di uno sconto speciale sui pasti, che ha contribuito ad attirare nuovi clienti. HelloFresh si è concentrata sulla convenienza e sulla qualità dei suoi pasti, sottolineando l'impegno dell'azienda a fornire pasti sani e deliziosi.  

  

La campagna ha avuto un grande successo: HelloFresh ha registrato un aumento del 50% dei nuovi clienti durante la campagna. Rivolgendosi a persone impegnate che apprezzano pasti sani e deliziosi, HelloFresh è riuscita a raggiungere un pubblico altamente coinvolto e fedele. La strategia pubblicitaria dell'azienda ha comunicato efficacemente i vantaggi del servizio e ha incoraggiato gli ascoltatori a provarlo. 

 

Squarespace  

Anche la partnership di Squarespace con il popolare podcast Serial è un esempio di successo. Squarespace, una società di hosting e costruzione di siti web, ha sponsorizzato la seconda stagione di Serial, che seguiva la storia di Bowe Bergdahl, un soldato dell'esercito americano catturato dai talebani e tenuto prigioniero per cinque anni prima di essere rilasciato. La sponsorizzazione di Squarespace ha permesso di pubblicizzare i propri servizi al pubblico altamente coinvolto e fedele di Serial. La campagna ha avuto un grande successo: Squarespace ha registrato un aumento del 30% della notorietà del brand e un aumento del 7% dei nuovi clienti durante la campagna. 

  

Blue Apron  

Un'altra campagna pubblicitaria di successo nei podcast è stata quella di Blue Apron, un servizio di consegna pasti a domicilio. Blue Apron ha sponsorizzato diversi podcast, tra cui How Did This Get Made? e The Nerdist. La strategia pubblicitaria dell'azienda prevedeva l'offerta agli ascoltatori di una prova gratuita del servizio, che ha contribuito ad attirare nuovi clienti. La campagna ha avuto un grande successo: Blue Apron ha registrato un aumento del 25% dei nuovi clienti durante la campagna.  

  

Nonostante questi esempi di successo, è fondamentale ricordare che ogni brand deve valutare il potenziale per la propria attività e se la pubblicità nei podcast è adatta ai suoi obiettivi specifici e al suo pubblico di riferimento. Per prendere questa decisione è necessario considerare attentamente diversi aspetti per assicurarsi una campagna efficace e di successo. Valutando i seguenti elementi, un brand può prendere decisioni informate sulla pubblicità nei podcast e massimizzare le possibilità di raggiungere efficacemente il pubblico desiderato:

 

Pubblico di riferimento:

  • Valutare se il pubblico di riferimento del podcast è in linea con il target del brand.
  • Analizzare i dati demografici degli ascoltatori, compresi età, sesso, luogo e interessi.

 

Brand Fit:

  • Valutare la compatibilità tra i valori e il messaggio del brand e i contenuti del podcast.
  • Assicuratevi che il tono, gli argomenti e lo stile del podcast siano in linea con l'immagine del brand.

 

Portata e coinvolgimento del podcast:

  • Esaminate la portata e l'ascolto complessivo del podcast attraverso le dimensioni dell'audience e le tendenze di crescita.
  • Esaminare le metriche di engagement degli ascoltatori, come i download medi degli episodi, le interazioni sui social media e il feedback degli ascoltatori.

 

Opzioni per gli advertisers:

  • Valutare la flessibilità e le creatività consentite per l'integrazione degli annunci nel podcast.

 

Concorrenza ed esclusività:

  • Valutare se i brand concorrenti fanno già pubblicità nei podcast.
  • Considerare i potenziali vantaggi dell'esclusività o di slot pubblicitari limitati.

 

Misurazione e monitoraggio:

 

Potenziale di partnership a lungo termine:

  • Valutare se il podcast offre opportunità di partnership a lungo termine, tra cui sponsorizzazioni stagionali, apparizioni di ospiti o contenuti co-prodotti.
  • Considerate i potenziali benefici derivanti dalla creazione di un rapporto continuativo con il podcast e il suo conduttore.

 

Test e iterazione:

  • Considerate la possibilità di iniziare con una piccola campagna pubblicitaria di prova per valutare l'efficacia prima di impegnarvi in un investimento più consistente.
  • Monitorate e analizzate i risultati per iterare e ottimizzare le future campagne pubblicitarie nei podcast.

 

In conclusione, la pubblicità nei podcast può essere una strategia di marketing molto efficace, grazie al pubblico impegnato e fedele che i podcast attirano. Con la continua crescita del podcasting, possiamo aspettarci di vedere ancora più campagne pubblicitarie di successo nei podcast in futuro. 

 


Ritorno al passato con il nostalgia marketing: da un ricordo all’acquisto

La nostalgia è un'emozione forte che ci riporta a un'epoca in cui la vita sembrava più semplice e felice. È una mancanza del passato che può evocare ricordi dell'infanzia, della famiglia e degli amici.  

 

Il Nostalgia Marketing è una tecnica di marketing che mira a evocare ricordi ed emozioni positive del passato per costruire una connessione emotiva tra il brand e il consumatore. L'obiettivo è quello di attingere ai sentimenti dei consumatori nei confronti del passato, spesso attraverso l'uso di immagini, suoni o altri spunti sensoriali, e di utilizzare questi sentimenti per creare un senso di fedeltà e identificazione al brand.  

 

Negli ultimi anni, il Nostalgia Marketing è diventato una tendenza sempre più popolare tra i brand, con molte aziende che hanno sfruttato la nostalgia per creare campagne pubblicitarie ingaggianti e veramente memorabili.  

 

Il principale vantaggio del Nostalgia Marketing è che può essere un modo efficace per entrare in contatto con i consumatori a livello emotivo. Secondo uno studio del Journal of Business Research, la nostalgia può "facilitare la formazione di un sentimento positivo verso un brand, che può tradursi in una maggiore fedeltà alla marca e in una maggiore intenzione all'acquisto" (Cheung et al., 2019).  

  

Quali sono dunque alcuni esempi di campagne di Nostalgia Marketing di successo? Vediamone alcuni

  • La riedizione del NES Classic Edition da parte di Nintendo - Nel 2016, Nintendo ha ripresentato la sua classica console Nintendo Entertainment System (NES) in una replica in miniatura chiamata NES Classic Edition. La console è andata rapidamente a ruba nei negozi, dimostrando il fascino intramontabile dei videogiochi classici.  
  • Campagna "Rebuild the World" di Lego - La campagna "Rebuild the World" di Lego, lanciata nel 2019, ha sfruttato la nostalgia associata all'iconico brand di giocattoli, promuovendo al contempo la creatività e l'innovazione. La campagna comprendeva una serie di annunci con personaggi e ambientazioni classiche di Lego, come Lego City e Lego Star Wars. La campagna è stata un successo e Lego ha registrato un aumento delle vendite del 7% nella prima metà del 2020.  
  • Campagna "Share a Coke" di Coca-Cola - Nel 2014, Coca-Cola ha lanciato una campagna in cui ha sostituito il suo iconico logo con nomi e frasi popolari. La campagna ha avuto un enorme successo, generando oltre 1,2 milioni di tweet e 150 milioni di bottiglie di Coca-Cola personalizzate vendute solo negli Stati Uniti. 
  • Campagna "Classic" di Reebok - Reebok esiste dagli anni '80 e nel 2013 ha lanciato una campagna per promuovere la sua linea di sneakers Classic. La campagna comprendeva una serie di annunci con riferimenti classici alla moda, alla musica e alla cultura pop degli anni '80 e '90, mentre le stesse sneaker sono state aggiornate con nuovi colori e materiali. La campagna è stata un successo e Reebok ha registrato un aumento delle vendite del 5% nel primo trimestre del 2013.  
  • Campagna “Hello Happy. Hello Hershey’s” di Hershey's - Nel 2015, Hershey's ha lanciato una campagna di Nostalgia Marketing chiamata "Hello Happy. Hello Hershey's". La campagna prevedeva una serie di spot televisivi che utilizzavano i classici jingle e le immagini di Hershey's degli anni '70 e '80. Gli spot incoraggiavano inoltre gli spettatori a condividere i propri ricordi del cioccolato Hershey's utilizzando l'hashtag #HelloHappy. La campagna è stata un successo: Hershey's ha registrato un aumento del 7,4% delle vendite e del 13,8% del coinvolgimento sui social media.  
  • Campagna "Polaroid Originals" di Polaroid - Nel 2017, Polaroid si è ribattezzata "Polaroid Originals" e ha lanciato una campagna di marketing che ha messo in risalto il fascino retrò dell'azienda. La campagna comprendeva una serie di annunci con fotocamere e pellicole Polaroid degli anni '70 e '80, e l'azienda ha persino rilasciato una nuova fotocamera istantanea che assomigliava ai suoi modelli classici. La campagna è stata un successo e Polaroid ha registrato un aumento delle vendite del 300% nel primo trimestre del 2018.  
  • Campagna "Maggiolino" di Volkswagen - L'iconico Maggiolino di Volkswagen è stato lanciato per la prima volta negli anni '30 e negli anni '90 l'azienda ha lanciato una campagna per far rivivere la popolarità dell'auto classica. La campagna comprendeva una serie di annunci pubblicitari che presentavano il Maggiolino e il suo posto nella storia della cultura pop, mentre l'auto stessa veniva aggiornata con nuovi colori e caratteristiche. La campagna fu un successo e il Maggiolino divenne una delle auto più popolari degli anni Novanta. 

 

Un altro esempio è la rinascita dei dischi in vinile. Negli ultimi anni, i dischi in vinile hanno conosciuto una rinascita di popolarità, con vendite che da 30 anni a questa parte hanno raggiunto l'apice nel 2020.  Nonostante questa crescita, il vinile rappresenta ancora solo una percentuale marginale delle vendite complessive di musica, con meno del 6% della quota di mercato. Tuttavia, nel 2022, l'album "Midnights" di Taylor Swift è entrato nella storia diventando la prima pubblicazione di un album in cui le vendite di vinili hanno superato quelle dei CD dal 1987. Nel gennaio 2023, "Midnights" aveva venduto oltre un milione di LP in vinile negli Stati Uniti, diventando così l'unico album del XXI secolo a raggiungere questo traguardo. In definitiva, questa tendenza è guidata in parte dalla nostalgia per il suono analogico del vinile, oltre che dal desiderio di un'esperienza musicale tangibile e fisica.  

  

Questi esempi dimostrano il potere del Nostalgia Marketing nel creare un forte legame emotivo tra brand e consumatori. Attingendo ai ricordi del passato dei consumatori, i brand possono creare un senso di autenticità e fiducia che può essere difficile da ottenere con altre tecniche di marketing.  

  

Naturalmente, è importante notare che il Nostalgia Marketing non è una soluzione unica per tutti i brand. Affinché il Nostalgia Marketing sia efficace, deve essere fatto in un modo che risuoni con il target di riferimento e si adatti al messaggio e all'identità generale del brand. Per questo motivo deve essere usato in modo strategico e con attenzione. Un eccessivo ricorso alla nostalgia può far sembrare un brand obsoleto o trascurabile, ed è importante trovare un equilibrio tra il passato e il presente. Nel complesso, il Nostalgia Marketing può essere uno strumento prezioso per i brand che vogliono entrare in contatto con i consumatori a livello emotivo e distinguersi in un mercato affollato. Evocando ricordi ed emozioni positive dal passato, i brand possono creare un impatto duraturo e costruire un senso di fedeltà e identificazione con il loro pubblico. 

 


I driver di scelta degli acquisti di uova di Pasqua in Italia

Pasqua è un momento di celebrazione e di indulgenza, e per molti italiani questo significa godere di uno dei dolci primaverili preferiti del Paese: le uova di Pasqua. Ma cosa spinge i consumatori italiani a scegliere quale uovo comprare? Noi di Nextplora abbiamo recentemente condotto uno studio per rispondere a questa domanda. I risultati sono arrivati e offrono preziosi spunti per i brand che cercano di conquistare il cuore dei consumatori italiani. In questo articolo analizzeremo i risultati e esploreremo ciò che conta davvero per gli italiani che ogni anno acquistano uova di Pasqua.

 

Il nostro obiettivo era identificare i driver di scelta per le famiglie con e senza bambini, prestando particolare attenzione all'approccio dei consumatori al cibo e all'alimentazione. 

 

Nel primo grafico abbiamo delineato i driver primari di scelta delle uova di Pasqua. Il gusto del cioccolato è stato il driver più significativo, con il 56% dei partecipanti che lo ha indicato come il principale driver di scelta. L'intensità del cioccolato è arrivata al secondo posto (38%), seguita dal regalo sorpresa (31%). È interessante notare che solo il 9% dei partecipanti ha indicato il ricordo nostalgico della propria infanzia come driver di scelta. Allo stesso modo, gli spot pubblicitari accattivanti non sembrano avere un impatto significativo sul comportamento dei consumatori. Piuttosto, i consumatori italiani danno priorità al gusto e all'italianità rispetto ad altri elementi. La "Convenienza" ha ottenuto il 22% delle risposte, ma così anche "Vale la pena pagare di più", il che suggerisce che i consumatori sono sì più consapevoli delle loro spese ma sono anche disposti a investire di più se percepiscono il prodotto come pregiato. L'aumento dei prezzi e dell'inflazione potrebbero anch'essi contribuire a questa tendenza, ma ci sono probabilmente altri fattori in gioco. 

 

 

Nel secondo grafico, abbiamo approfondito i driver di scelta utilizzando un’analisi di segmentazione dei consumatori rispetto al cibo e all’alimentazione. Abbiamo scoperto che il segmento dei consumatori "Disinteressati" al cibo avevano l'indice di concentrazione più elevato per le partnership con film, programmi televisivi, influencer e squadre sportive. Le loro risposte indicavano una minore priorità per "L'intensità del cioccolato" (83) e la "Selezione delle materie prime" (70). 

 

In contrasto, il segmento "Appassionati in cucina" ha dato priorità all'Italianità (117), alla competenza nel mondo del cioccolato (111) e alla selezione delle materie prime (117). I consumatori appassionati in cucina sono probabilmente più in grado di apprezzare la qualità e l'origine degli ingredienti, così come i processi coinvolti nella creazione di un prodotto di cioccolato di alta qualità. Questo gruppo potrebbe anche essere più interessato al significato culturale del cibo e alla storia e alle tradizioni della cucina italiana. 

 

Il segmento "Golosi" ha enfatizzato il sapore del cioccolato (117) e la convenienza (124). Questo gruppo di consumatori si preoccupa meno dei benefici per la salute o della qualità premium del prodotto e cerca invece un'esperienza deliziosa e conveniente, mentre il segmento "Attenti alla linea" presta meno attenzione al senso di appagamento e gratificazione (84) e dà maggior importanza all'Italianità del brand (118). 

 

Il segmento "Fedeli alla marca" ha dato priorità all'Italianità (116) e al valere la pena pagare di più (116) e ha mostrato l'indice più alto a favore delle marche che fanno pubblicità accattivanti (120). I consumatori in questo segmento potrebbero essere fedeli al brand perché occupa un posto speciale nei loro cuori, forse a causa di ricordi o esperienze positive associate alla marca. Di conseguenza, la pubblicità coinvolgente potrebbe servire a rafforzare il legame emotivo che i consumatori in questo segmento già hanno con il brand. Inoltre, è possibile che i consumatori in questo segmento siano più influenzati dalla pubblicità in generale, poiché potrebbero essere meno sensibili al prezzo e più focalizzati sul brand rispetto ad altri segmenti. 

 

Infine, il segmento "Sostenibili" dà la priorità alla selezione delle materie prime (135), alle marche sostenibili (122) e alla competenza nel mondo del cioccolato (112). 

 

 

Nel terzo e ultimo grafico, abbiamo esplorato come i driver della scelta variano in base all'età dei bambini in famiglia. Abbiamo scoperto che il gusto e la qualità del cioccolato diventano sempre più importanti man mano che i bambini crescono, mentre la sorpresa e le partnership diventano meno rilevanti. Con l'entrata dei figli nella tarda adolescenza, le loro preferenze e i loro gusti in fatto di cioccolato iniziano a convergere con quelle dei genitori, portando a una maggiore condivisione delle uova di Pasqua con tutta la famiglia.

 

 

I consumatori italiani hanno preferenze distinte e diverse quando si tratta di acquistare e consumare le uova di Pasqua, con il gusto e l'italianità che emergono come i driver di scelta più significativi nei diversi segmenti. La ricerca evidenzia l'importanza di comprendere le esigenze e le priorità di diversi segmenti di consumatori, tra cui quelli che hanno figli e quelli che non ne hanno, così come quelli che hanno la passione per la cucina o l'attenzione per la sostenibilità. I brand che riescono a soddisfare queste preferenze e a comunicare efficacemente la loro proposta di valore avranno probabilmente successo nel competitivo mercato delle uova di Pasqua. Tuttavia, è importante notare che il comportamento e le preferenze dei consumatori possono essere fluidi e influenzati da una serie di fattori, tra cui le condizioni economiche, i cambiamenti culturali e le tendenze emergenti. Per questo motivo, sono necessari una ricerca e un adattamento continui per rimanere all'avanguardia e soddisfare le mutevoli esigenze dei consumatori. 

 


Come il colore influenza la percezione del brand

Si dice che un'immagine valga più di mille parole, ma se si tratta di un colore? Nel mondo del branding, il colore può determinare il successo di un'azienda. Dal rosso e giallo energizzanti di McDonald's al verde tranquillo di Whole Foods, la psicologia del colore gioca un ruolo significativo nella percezione che i consumatori hanno di un brand. In questo articolo discuteremo dell'impatto che il colore ha sulla percezione dei consumatori ed esamineremo come i brand possono usare il colore per influenzare il loro pubblico di riferimento. Quindi sedetevi, rilassatevi e preparatevi ad esplorare l'affascinante mondo della psicologia del colore nel branding.  

  

Come consumatori, spesso siamo attratti da certi brand in base al loro aspetto visivo. I colori utilizzati nel logo, nel sito web, nel packaging e nei materiali di marketing di un brand possono avere un impatto significativo sulla nostra percezione del brand. Ecco perché la psicologia del colore gioca un ruolo così importante nel branding. Comprendendo l'impatto che il colore ha sulla percezione dei consumatori, i brand possono usarlo per influenzare il loro pubblico di riferimento e creare una forte identità di marca. 

 

L'impatto del colore sulla percezione dei consumatori  

La psicologia del colore è un argomento complesso e affascinante e il modo in cui il colore influenza le nostre emozioni e il nostro comportamento non è ancora del tutto chiaro. Tuttavia, esistono alcune associazioni generali che le persone tendono a fare con certi colori e che possono influenzare la loro percezione di un brand.  

  

Ad esempio, il blu è spesso associato all'affidabilità, alla competenza e alla professionalità. Per questo motivo molte banche e istituzioni finanziarie utilizzano il blu nel loro brand. Il rosso, invece, è associato all'energia, alla frenesia e alla passione, motivo per cui viene spesso utilizzato dai brand dell'industria alimentare e delle bevande. Altri colori hanno connotazioni diverse, come il verde, associato alla natura e alla salute, il giallo, associato alla felicità e all'ottimismo, e il viola, associato al lusso e alla raffinatezza. Utilizzando questi colori in modo strategico nel loro branding, i brand possono attingere a queste associazioni e influenzare il modo in cui i consumatori percepiscono i loro prodotti o servizi. 

 

Esempi di successo 

Uno degli esempi più riusciti di psicologia del colore nel branding è Coca-Cola. L'iconico schema di colori rosso e bianco del logo Coca-Cola è diventato sinonimo del brand ed è immediatamente riconoscibile in tutto il mondo. L'uso del rosso nel logo non è casuale: il rosso è un colore associato all'energia e alla passione, tutte qualità a cui Coca-Cola vuole essere associata.  

  

Un altro esempio di successo della psicologia del colore nel branding è la combinazione di colori verde e bianco del logo di Starbucks. Il verde è un colore associato alla natura, alla salute e alla freschezza, tutte qualità importanti per il brand Starbucks. L'uso del colore verde nel logo contribuisce inoltre a rafforzare l'impegno dell'azienda per la sostenibilità e l'ambientalismo.  

  color psychology

Esempi non riusciti 

Un esempio di brand che ha fallito il rebranding a causa di un inadeguato uso della psicologia del colore è il retailer JCPenney. JCPenney ha alle spalle una lunga storia di rebranding. Inizialmente fondato con il nome The Golden Rule da James Cash Penney nel 1902, da allora fino ad oggi ha cambiato logo 27 volte e il nome stesso è passato da The Golden Rule a JCPenney&Co a Penney’s a JCPenney e infine nuovamente a Penney’s- in ultimo nel 2019. 

 

Nel 2011, JCPenney si è lanciato in un'operazione di rebranding che ha incluso la modifica del logo e del design dei negozi. Tuttavia, l'uso di un colore rosso acceso nella pubblicità e nelle insegne dei negozi è stato criticato perché troppo aggressivo e non in linea con i valori tradizionali del brand, ovvero qualità e convenienza. Il colore è stato inoltre considerato troppo simile a quello utilizzato dal concorrente Target 

 

Sono state apportate altre modifiche al logo originale, tra cui nuovi elementi grafici e l'uso di "jcp" invece del nome completo del brand. Alla fine, gli studi hanno rivelato che, sebbene l'84% dei consumatori avesse familiarità con il logo originale di JCPenney e il 76% avesse riconosciuto l'aggiornamento minore del 2009, solo il 56% delle persone era in grado di associare JCPenney al logo introdotto nel 2011 

  jcpenney logo evolution

Ahimè, JCPenney ha dovuto fare marcia indietro e tornare ai suoi precedenti elementi di branding, modificando solo in minima parte il font del logo. 

 

Scegliere il colore giusto  

Quando si tratta di scegliere i colori giusti per un brand, ci sono diversi fattori da prendere in considerazione:  

  1. Pubblico di riferimento: È importante considerare il pubblico di riferimento quando si scelgono i colori per un brand. Gruppi di età, generi e culture diverse possono avere preferenze e associazioni cromatiche diverse. Ad esempio, il rosa può essere associato alla femminilità nelle culture occidentali, ma può essere associato alla fortuna e alla prosperità in alcune culture asiatiche.  
  2. Personalità del brand: I colori scelti per un brand devono essere in linea con la personalità e i valori del brand. Ad esempio, un brand di lusso può optare per colori ricchi ed eleganti come l'oro o il viola intenso, mentre un brand giocoso e creativo può scegliere colori vivaci e audaci come il rosa o l'arancione.  
  3. Standard del settore: È importante considerare gli schemi di colore comunemente utilizzati in un determinato settore. Ad esempio, il verde è spesso usato nel settore della salute e del benessere, mentre il blu è comunemente usato nel settore finanziario.  
  4. Contrasto e leggibilità: I colori scelti per un brand devono essere facili da leggere e devono fornire un contrasto sufficiente per la leggibilità. Questo aspetto è particolarmente importante quando si tratta di scegliere i colori per i loghi e altri elementi visivi.  
  5. Emozione e associazione: I colori scelti per un brand devono evocare l'emozione e l'associazione desiderate nel pubblico di riferimento. Per esempio, il blu può evocare un senso di calma e fiducia, mentre il rosso può evocare un senso di eccitazione e urgenza.  

 

Una cosa che potreste aver già notato è che molte piattaforme social media popolari hanno scelto il blu come colore della loro user interface. Questo è un esempio semplice ma efficace di come il blu sia un'opzione ideale per queste piattaforme, in quanto soddisfa tutte le casistiche sopracitate.  

 

In primo luogo, il blu è un colore rilassante e calmante, in grado di far sentire gli utenti rilassati e a proprio agio durante l'utilizzo della piattaforma. Questo è importante per le reti di social media, che mirano a mantenere gli utenti attivi sulla piattaforma il più a lungo possibile.  

 

In secondo luogo, il blu è un colore universalmente apprezzato, il che significa che è improbabile che provochi emozioni negative o fastidiose per gli utenti. Questo è importante per i social network, che mirano a rivolgersi a un'ampia gamma di utenti con background e preferenze diverse.  

 

In terzo luogo, il blu è spesso associato alla fiducia, alla professionalità e all'affidabilità. Questo può essere vantaggioso per i social network, che hanno bisogno di stabilire un senso di fiducia e credibilità con i propri utenti per incoraggiarli a condividere informazioni personali e a interagire con gli altri utenti della piattaforma.  

 

Infine, il blu è un colore comunemente utilizzato nei prodotti tecnologici e digitali. Ciò significa che gli utenti potrebbero già associare il colore blu alle interface digitali e trovarlo familiare e facile da usare. 

 

In conclusione, la psicologia del colore gioca un ruolo significativo nel branding e ha il potere di influenzare il modo in cui i consumatori percepiscono un marchio. Utilizzando strategicamente i colori in linea con la personalità del brand, il target di riferimento e gli standard del settore, i marchi possono creare una forte identità di marca e differenziarsi dalla concorrenza. Tuttavia, è importante scegliere i colori con attenzione, prendendo in considerazione fattori come il contrasto e la leggibilità, ed evocando l'emozione e l'associazione desiderata nel target di riferimento. Come si è visto nell'esempio di JCPenney, un uso inadeguato della psicologia del colore può portare a un insuccesso degli sforzi di rebranding. In definitiva, il successo di un brand nello sfruttare la psicologia del colore risiede nella capacità di creare un linguaggio visivo che parli al suo target e lo coinvolga a livello emotivo. 

 


Come scegliere lo sport giusto da sponsorizzare per il tuo brand

La sponsorizzazione è una strategia di marketing efficace che molte aziende utilizzano per rafforzare l'immagine del proprio brand, aumentare la notorietà e la considerazione. Tuttavia, i risultati che un brand ottiene sponsorizzando uno sport o una squadra possono variare in modo significativo a seconda dello sport, della squadra e del panorama competitivo in cui opera il brand stesso. In questo articolo, esamineremo come i brand che sponsorizzano determinati sport ottengano risultati diversi in termini di attributi d'immagine del brand e notorietà in base allo sport e alla squadra che decidono di sponsorizzare, considerando anche il panorama competitivo del loro settore. 

 

La sponsorizzazione esclusiva e l’impatto sulla brand image e awareness 

Consideriamo il caso del brand X che ha deciso di sponsorizzare uno sport non avendo altri concorrenti nel suo settore che sponsorizzano attivamente sport. Come risultato, abbiamo osservato un aumento significativo della brand awareness durante la stagione attiva dello sport. In particolare, nei due periodi attivi analizzati, la brand awareness è aumentata del 70.4% e del 96.5% per i tifosi dello sport. Anche per coloro che guardano lo sport di rado e non sono così appassionati da definirsi tifosi, la brand awareness è aumentata rispettivamente del 48.1% e del 41.4% durante le stesse stagioni attive. È importante notare che la brand awareness sia per i normali spettatori che per i tifosi è aumentata nel corso dell'anno, il che indica che l'impatto della sponsorizzazione è stato duraturo ed efficace nell'upper funnel. 

 

Inoltre, la sponsorizzazione ha avuto un impatto positivo sugli attributi dell'immagine del brand. Lo sport sponsorizzato ha portato un aumento dell'affidabilità, della qualità, della semplicità d'uso e, soprattutto, della distintività. Ciò potrebbe essere in parte dovuto al fatto che il brand X era l'unica azienda del settore a sponsorizzare questo sport, conferendogli un posizionamento unico e memorabile. Si è registrato anche un aumento degli attributi legati alla lungimiranza, come l'essere smart, digital, al passo con i tempi e orientato al futuro. Questo dimostra come i diversi sport possano avere un impatto sui vari attributi dell'immagine del brand e come la scelta della giusta sponsorizzazione possa avere un impatto significativo su quest'ultima. 

 

awareness-sponsorships

 

La comunicazione della sponsorizzazione e i suoi effetti sul brand 

Consideriamo ora il caso del brand Y che ha deciso di sponsorizzare uno sport popolare in un panorama altamente competitivo in cui anche molti dei suoi concorrenti sponsorizzano sport. Abbiamo analizzato l'impatto della sponsorizzazione sui KPI del brand Y dopo aver aggiunto la sponsorizzazione alle campagne pubblicitarie, mantenendo invariati gli altri elementi dello spot originale. 

 

Abbiamo osservato che l'aggiunta della sponsorizzazione ha reso l'annuncio più attraente, originale e apprezzato dagli spettatori. Tuttavia, l'impatto sulla memorabilità e sulla credibilità dell'annuncio è stato pressoché nullo. La nuova campagna ha portato anche livelli più alti di originalità, credibilità del brand e storicità, poiché lo sport popolare ha potuto contribuire grazie ai propri attributi di reputazione forti e affermati. 

 

È importante sottolineare che diversi team e sport avranno probabilmente un impatto diverso sugli attributi dell'immagine del brand. Gli sport più di nicchia potrebbero comunicare esclusività, mentre le squadre che vincono più spesso potrebbero comunicare affidabilità. La sponsorizzazione di giocatori, team o sport che esistono da molto tempo e che sono molto amati dai loro fan potrebbe comunicare un forte senso di vicinanza al brand e dare una percezione di maggiore competenza. 

 

ad-comparison-sponsorships

 

I case study sotto gli occhi di tutti 

Alcune ricerche hanno dimostrato che la sponsorizzazione sportiva può avere un impatto significativo sull'immagine e sulla percezione di un brand, in particolare quando la sponsorizzazione è esclusiva o quando è associata a uno sport popolare e rilevante. Per esempio, la nota sponsorizzazione di Red Bull di sport estremi ha contribuito ad affermare l'immagine del brand come giovane, dinamico ed eccitante, mentre la sponsorizzazione di team e atleti sportivi di alto profilo ha rafforzato l'immagine di Nike come brand sportivo affidabile e competente. 

 

Secondo uno studio condotto da McKinsey & Company nel 2017, la sponsorizzazione sportiva può avere un impatto significativo anche sulla performance di un brand. Lo studio ha rilevato che le aziende che hanno aumentato l'investimento nelle sponsorizzazioni di almeno il 10% hanno registrato un aumento del 7% nella preferenza per il brand e un aumento del 6% nell'intenzione di acquisto da parte dei consumatori. Allo stesso modo, un articolo di Forbes del 2019 afferma che la sponsorizzazione sportiva può portare a un aumento della brand equity, della loyalty dei clienti e dell'engagement sui social media. L'articolo citava un case study relativo alla sponsorizzazione di Colin Kaepernick della NFL da parte di Nike, che ha portato a un aumento del 31% delle vendite online del brand dovuto alla posizione rivoluzionaria assunta dall'atleta contro la brutalità della polizia e la disuguaglianza razziale, mettendo a rischio la sua carriera per una causa in cui credeva profondamente. In questo caso, sponsorizzando Kaepernick, Nike ha scelto di allineare il proprio brand a questi valori e l'azienda è stata premiata dai consumatori. 

 

In conclusione, le sponsorizzazioni possono avere un impatto significativo sull'immagine e sulla reputazione di un brand e la scelta della sponsorizzazione giusta può fare la differenza. I brand dovrebbero considerare attentamente il panorama del loro settore, le sponsorizzazioni dei loro concorrenti e gli attributi che vogliono comunicare al loro pubblico di riferimento quando decidono quali sport o team sponsorizzare.